Var-gogna a Firenze: l’Inter pareggia per 3-3 con i viola

Una partita infinita si conclude con un pareggio amaro per l'Inter. Tanti gol, tanto VAR e un errore arbitrale che decide il match.

di Giuseppe Colicchia
Giuseppe Colicchia
(70 articoli pubblicati)
Fiorentina-Inter, Abisso e Politano

Fare l’analisi di Fiorentina-Inter in modo oggettivo, senza farsi condizionare dalle emozioni a caldo, risulta quanto mai difficoltoso. Però ci proviamo, andiamo con calma. Iniziamo dal presupposto che, per come è andato il primo tempo, il vantaggio ospite era immeritato.  La squadra nerazzurra ha il merito di aver disputato una prova energica, con delle iniziative personali importanti e un gruppo unito che ha saputo resistere agli assedi dei padroni di casa. La Fiorentina si conferma una buonissima squadra, rivitalizzata dal mercato invernale. Il secondo tempo è a netto favore dell’Inter che gioca meglio, concede poco e viene beffata solo nel finale, a seguito di una decisione arbitrale che, per il momento, giudichiamo “dubbia” (approfondiremo in seguito).

Dopo soli 20 secondi dal fischio iniziale la Fiorentina è già in vantaggio: lancio lungo di Ceccherini per Chiesa che approfitta della distrazione difensiva nerazzurra per involarsi verso la porta per poi servire la palla a Simeone che, a porta sguarnita, non impatta bene, ma la deviazione di De Vrij fa carambolare il pallone in rete. I ragazzi di Spalletti, dopo aver subito un gol così improvviso ad inizio partita, avrebbero potuto risentirne a livello psicologico. Invece la reazione arriva e al 5’ Vecino pareggia il risultato: sugli sviluppi di un corner, Nainggolan serve l’uruguaiano con una palla a scavalcare la difesa, Vecino tira al volo e segna. La Fiorentina ha un approccio deciso alla partita e continua ad attaccare per tutto il primo tempo. Le azioni della Viola nascono da lanci lunghi che scavalcano tutto il centrocampo interista e che trovano Chiesa e Simeone per sfruttare la loro velocità. Al 40’ Politano con un’invenzione trova il gol del vantaggio: si accentra e, con un tiro a giro dei suoi, manda il pallone a baciare il palo per poi insaccarsi in rete. Nel secondo tempo entra in campo un’Inter più determinata. Dopo 5 minuti Perisic realizza su rigore il gol del 3 a 1, dopo un fallo di mano di Edimilson. Dieci minuti dopo alla Fiorentina viene annullato il gol di Biraghi. L’invenzione di un fenomeno riapre la partita. Muriel fa partire un bolide su punizione dai 30 metri con palla che va sotto l’incrocio dei pali. Dopo il 3 a 2 la Fiorentina ritorna a spingere forte, l’Inter resiste. Negli ultimi minuti di recupero Abisso concede un calcio di rigore ai viola per un presunto tocco col braccio di D’Ambrosio, Veretout trasforma il tiro dal dischetto e pareggia la partita.

Un’analisi sugli episodi della partita è d’obbligo. Il VAR, nel corso di tutta la partita è stato molto coinvolto. Sul primo e sul secondo gol controlla se ci fosse una posizione di fuorigioco e, dopo 2-3 minuti abbondanti, conferma giustamente le reti . Dalla sala VAR richiamano Abisso per il fallo di mano di Edimilson (sanzionato dopo averlo visionato) e per annullare il gol di Biraghi (anche questa decisione è corretta per un netto fallo di Muriel su D’Ambrosio). Fin qui molto VAR, tanto tempo di attesa dove non si è giocato, ma tutte le decisioni prese sono corrette. I minuti di recupero dopo il 90’ sono parecchi, ma giustificati dalle continue interruzioni. Nei minuti finali del recupero Abisso concede un calcio di rigore alla Fiorentina per fallo di mano di D’Ambrosio. Il VAR controlla le immagini e lo richiama alla “Var review” per rivedere meglio l’azione. D’Ambrosio prende la palla con il petto, subito dopo FORSE la palla va sul suo braccio sinistro (in ogni caso, da regolamento, non è fallo). Abisso prende una scelta ingiustificabile confermando la decisione presa in campo, nonostante aver visionato le immagini da più inquadrature. Una scelta che apre a due strade, di cui noi scegliamo di percorrere la seconda: o era in malafede, condizionato dalle lamentele della partita di andata (lamentele peraltro infondate), oppure è stato presuntuoso, pensando di aver visto bene e non accettando il suo errore davanti alla cruda realtà delle immagini.

Fiorentina Inter
Fonte: l'autore Giuseppe Colicchia

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.