Cambio di rotta: i lati positivi dell’Udinese

La sconfitta immeritata in casa con il Parma fa mangiare le mani ai bianconeri, padroni del campo per 90 minuti

di Gianmarco Puglisi
Gianmarco Puglisi
(24 articoli pubblicati)
Udinese v Parma Calcio - Serie A

Si è parlato di una squadra svogliata, che aveva in mano la partita ma che con troppa superficialità non l’ha saputa portare a casa. L’Udinese ha incassato due goal di totale disattenzione e noncuranza del pericolo maggiore: Gervinho. La freccia ivoriana ha fatto male ai bianconeri, ma è il momento di voltare pagina e guardare i lati positivi del match, che non sono pochi. 

A partire dalla marcatura su Gervinho che definirei incostante più che negligente, perché Opoku (a cui era affidato l’esterno del Parma) non si è comportato affatto male, anzi: è uscito 4-5 volte vincente negli uno contro uno. Sono state le disattenzioni di De Paul e D’Alessandro a precedere i due goal, che non hanno coinvolto il ghanese, frettolosamente bocciato dai giornali che spesso tendono a commentare le partite esaltando i meriti della vincente senza analizzarle a 360 gradi. Per noi Opoku è ampliamente promosso.

Prova positiva per il neo-arrivato Okaka, è riuscito a fare il suo per 70 minuti. Gara in discesa sì, ma si sa che per adesso la forma non è ottimale, ricordiamo che da settembre in Inghilterra ha giocato pochissimi minuti. La brillantezza e la capacità di tenere alta la squadra però non gli sono mai mancate, con convinzione e strapotenza fisica le palle alte erano sue. Il goal solo la ciliegina di un’ottima prestazione.

Un ultimo punto su cui riflettere è l’assetto tattico. A questo punto i dati sono fondamentali e parlano chiarissimo. 67% di possesso palla, 20 tiri di cui 7 in porta e 2 pali per gli uomini di Nicola non possono che rimarcare un’Udinese padrona del campo. Non mentiva Nicola, dopo le critiche di qualche settimana fa, quando diceva che sarebbe arrivato il momento di mangiare gli avversari nella loro metà campo. 

Se le promesse vengono mantenute è già un buon segno. Certo è che si può e si deve migliorare, non è ammissibile essere così poco cinici in fase offensiva ma se si riparte da questo tipo di prestazioni i risultati verranno da sé. E un po’ più di fortuna la prossima volta magari…

Fonte: l'autore Gianmarco Puglisi

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.