Giampaolo al Toro parte malissimo ma il precedente di Gasp insegna

Urbano Cairo faccia come Antonio Percassi schierandosi apertamente a difesa del neo allenatore che ha bisogno di tempo per fare la rivoluzione granata

di Luca Sala
Luca Sala
(229 articoli pubblicati)
Torino FC v Parma Calcio - Serie A

Il Torino vive momenti assai difficili come troppo spesso accade negli ultimi tempi, tuttavia mai avrei pensato che il brillantissimo uomo d'affari cresciuto all'ombra di Berlusconi fino a diventarne degnissimo erede come editore proprietario di stampa e televisione nonché di una squadra calcistica avesse tutta questa malasorte.

La piazza granata è oggettivamente esigente per il passato glorioso del Grande Torino che toccò vittoria e tragedia allo stesso tempo creando così l'intramontabile leggenda dell'unica squadra di club amata come la Nazionale dagli sportivi tutti d'Italia.

E' dura superare gli Invincibili di quegli anni, praticamente impossibile, però col dovuto rispetto e imperatura gratitudine  si può benissimo continuare a duellare con la cugina e ricca Juventus per l'egemonia popolare in città, inserendosi anche nella lotta scudetto come fece sotto la presidenza di Orfeo Pianelli con cui vinse il settimo ed ultimo scudetto nella stagione 75/76 grazie a giocatori favolosi come Paolo Pulici e Ciccio Graziani, Claudio Sala e Renato Zaccarelli, Eraldo Pecci e Luciano Castellini, Roberto Salvadori e Patrizio Sala. Allenatore di quella formazione di veri uomini Toro il sergente di ferro Gigi Radice, roba da pelle d'oca!

Da allora nessuno alla guida della società e della squadra, ad eccezione di Emiliano Mondonico sulla panchina, ha potuto evitare figuracce e cadute in serie B tradendo sistematicamente il generosissimo e parimenti illuso cuore granata dei tanti tifosi incapaci di trattenere rabbia e frustrazione allora come oggi.

La morale che mi sento di trarre e consigliare è però una soltanto: fiducia illimitata nel  nuovo e capace mister Marco Giampaolo sebbene fallimentare nelle ultime avventure in panca, capacissimo tuttavia di risollevare magicamente le sorti granata come accadde in una situazione praticamente identica all'Atalanta con Giampiero Gasperini.

L'unica differenza potrebbe farla Urbano Cairo licenziandolo inopinatamente anziché difenderlo a tutti i costi  davanti ai giocatori come fece appunto Percassi  e prima ancora il suo  autentico mentore Silvio Berlusconi in difesa di Arrigo Sacchi la cui partenza sciagurata nascondeva però il futuro trionfale che solo un presidente visionario e vincente come il Cavaliere poteva intuire e raggiungere davvero.

Affidarsi ai tanti ragazzi della storicamente ottima Primavera farebbe poi la differenza, che bisogno c'è di comprare così massicciamente all'estero? Accanto all'unico vero intoccabile gallo Belotti, capitano coraggioso e degno, punterei per esempio su Edoardo Priore come fece Gasperini con Andrea Petagna per rivoluzionare l'attacco.

Avanti tutta allora, in questo momento serve rifarsi all'autentico spirito Toro, quello  indomabile e mai vinto con cui riguadagnare lo splendore che la sua storia merita, tanto meglio con Cairo  anziché il solito tycoon americano che non la conosce né la merita.

Fonte: l'autore Luca Sala

DI' LA TUA

2
2 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. SportsMan - 3 settimane

    Potrebbe accendersi veramente il nuovo fuoco granata

  2. SportsMan - 3 settimane

    Stanno avverandosi le parole profetiche di questo bel pezzo.

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.