La serie A ritrova tutte le protagoniste in attesa del mercato

Tra un paio di settimane l'estenuante calcio mercato sarà concluso, pochi veri affari, molte voci e anche qualche fastidioso scandalo

di Alan paul Panassiti
Alan paul Panassiti
(346 articoli pubblicati)
FC Internazionale Training Session

Si parla di riaperture degli stadi in una situazione di contagi ancora non molto grave nel nostro paese, ma perennemente sotto osservazione anche a causa di vicini non proprio attenti nella gestione del covid.

"Il calcio e la riapertura degli stadi non è una priorità nel nostro paese": ha detto il ministro Roberto Speranza. Una sorta di doccia fredda che non cambierà la sostanza di aperture parziali dei nostri impianti sul modello tedesco e francese. Un azzardo che cozzerà, come al solito, con le esigenze televisivo-economiche delle nostre società calcistiche e che, partite le rigorose proteste di altre parti sociali che si vedono chiuse le attività, riporterà alla totale chiusura. E' ovvio che sarà così, almeno fino al vaccino si navigherà a vista e nulla sarà come prima.

Intanto, con il calcio mercato attivissimo, anche le compagini che sono partite in ritardo (Atalanta e Inter tra tutte) causa impegni europei di alto livello di qualche settimana fa scenderanno in campo in questo week end. Una serie A condizionata dagli scambi di giocatori, da positivi al Covid (vedi Ibrahimovic), e da scandali tutti italiani come quello di Luis Suarez.

Sul caso Suarez molto si è scritto e detto: il nostro paese ha perso credibilità, ormai nulla di serio c'è più. Le regole sono fatte per essere aggirate anche in maniera evidente, usando scuse ridicole e risibili per giustificarle. L'uomo normale ha dei tempi e delle sofferenze, il calciatore e tutto quello che è legato ad esso vive in una bolla che non corrisponde al mondo reale. Questo genera rabbia in chi lavora e soffre per ottenere i suoi diritti con molta fatica, e la scorciatoia per eludere la burocrazia e le sue regole viene sempre cercata e trovata.

In questo caso la regola è stata violata in maniera sfacciata per nulla: Suarez nemmeno è venuto in Italia a giocarci, anzi rimarrà in Spagna all'Atletico Madrid. Un polverone gratuito e inutile figlio di una estrinsecazione di potere ridicola e inadeguata che ci fa riflettere un valore tecnico e morale dei nostri dirigenti.

Per il resto si dovrà parlare di calcio giocato, senza cadere in ridicole contraddizioni e scendere in polemiche che, con la nuova interpretazione dei  falli di mano in area di rigore, ogni settimana daranno luogo a nuovi scandali che faranno impazzire i tifosi.

La cifra tecnica delle nostre compagini, a vedere l'inizio del mercato, è molto scaduta. Sono arrivati giocatori vecchi (Vidal ad esempio, anche se tuttora validissimo) e un po' bolliti. Altri sono dei ritorni (vedi Morata) figli di improvvisazione più che da un vero progetto tecnico!

Soldi ce ne sono molto pochi e va rivisto anche il monte ingaggi di contratti pluriennali assurdi a cifre ormai insostenibili.

Si è persa l'occasione di puntare sui nostri validissimi vivai puntando su giovani che hanno solo bisogno di giocare, magari accanto a campioni affermati, per crescere e creare nuove alternative all'allenatore della nazionale Roberto Mancini: Frabotta, ed altri come lui, sono esempio lampante di come sia inutile andare a cercare chissà dove fenomeni da baraccone completamente inutili alla causa.

Per il titolo sembra un duello tra la Juventus di Andrea Pirlo (vera incognita esaurito l'effetto novità e l'entusiasmo della sua nomina) e l'Inter di Antonio Conte (molto rinforzatasi ma parecchio vecchia dal punto di vista della carta di identità). Poco staccata la Lazio di Simone Inzaghi (che ha allungato la rosa) e il Napoli della freccia Victor Osimhen che con Gattuso in panchina può dare molto fastidio alle prime della classe. L'Atalanta di Gasperini, poi, sarà una squadra ostica per tutti!

Curiosità perla Roma di Friedkin, che però ha progetti più a lunga gittata e che al momento pare in netto ritardo.

In coda lo Spezia sembra spacciato, così come il Crotone, mentre il Benevento, delle neopromosse, sembra meglio attrezzato: queste sembrano le candidate alla discesa in B.

Ma le partite vanno giocate: buon campionato a tutti!!!

Juventus New Signing Alvaro Morata Medic
Fonte: l'autore Alan paul Panassiti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.