Serie A: tutto quello che c’è da sapere sulle 20 squadre

Analizzo ogni singola squadra, citando acquisti, cessioni, modi di giocare, caratteristiche societarie... etc

di Francesco Albanesi
Francesco Albanesi
(3 articoli pubblicati)

Atalanta: La dea ha cambiato poco quest'anno. È arrivato Muriel, è arrivata l'esperienza di  Skrtel che guiderà la difesa a 3 ed infine il talento Malinovsky che con il suo mancino ha già fatto incantare il Gasp.

Bologna: la forza di questa squadra si può riassumere nella partita di domenica con il Verona: tanto cuore messo in campo per il suo allenatore Mihajlovic, in panchina, che ha rappresentato al meglio il bello di questo sport. Squadra rinata

Brescia: squadra costruita bene in ogni reparto e occhi puntati sulla stella  Tonali che dovrà compiere il grande passo per poi andare in una big. La davanti il ritorno a casa di Super Mario a guidare le rondinelle alla salvezza e sperare in una chiamata del Mancio, perché di Balotelli ce n'è uno.

Cagliari: a livello di mercato è stata una delle squadre che ha fatto meglio, con il ritorno del "ninja", è arrivato Rog, infine il talento Nandez per un centrocampo molto qualitativo. Maran la certezza

Fiorentina: piazza rinata dopo l'addio dei Della Valle. L'arrivo di Rocco Commisso ha riportato entusiasmo in una piazza che lo scorso anno ha vissuto una stagione da incubo vedendo la B. L' acquisto più importante è stato la permanenza di Federico Chiesa messo al centro del progetto. Poi, Pulgar, Lirola, Boateng e Ribery. Se si vuole essere grandi bisogna avere dietro una grande società.

Genoa: Anno nuovo vita nuova. Andreazzoli con il suo calcio offensivo  ha già fatto vedere tutti i pregi del suo Genoa: qualitativo, pimpante e coraggioso. Un 3 a 3 piu che meritato a Roma che sa di vittoria. Pinamonti dovrà comandare la nave.

Hellas verona: squadra che con Juric proverà a salvarsi. Un mercato dignitoso, ma con poche certezze per rimanere nel massimo campionato. 

Inter: Dopo due anni passati a soffrire da "pazza" per un posto Champions i tifosi si spettano un cambio di marcia con Antonio Conte, tecnico che ogni volta che si siede su una panchina vince. Con il Lecce si è già vista un inter contiana, anche se questa deve essere "dinamite".

Juventus: anno nuovo, vita vecchia per la Juve. Questo è il riassunto di Parma Juve di sabato nella prima giornata. Una vittoria "allegriana" ottenuta con il minimo indispensabile. Chissà se Sarri riuscirà subito a mettere in pratica la sua mano nella juve o bisognerà aspettare. 

Lazio: una lazio dominante contro la samp proverà a puntare sempre più in alto per arrivare alla Champions. Deve rinascere Milinkovic, poi ci pensano Correa, Luis Alberto e Immobile. Caicedo scalpita.

Lecce: tanti acquisti nessuna cessione. Reduce da un roboante 4 a 0 di San siro il Lecce proverà a salvarsi.

Milan: il diavolo ripartirà dalle idee e dal bel calcio di Giampaolo, (non quello di udine). Il trio Boban, Maldini, Massara ha puntato sui giovani per un Milan di prospettiva.

Napoli: squadra sempre più consolidata sotto le redini di Ancelotti. Manca sempre un centesimo per arrivare all'euro: Icardi, James? Manca un campione, ma non da adesso, da anni.

Parma: D'aversa ripartirà dalle certezze: gervinho, Bruno alves e Bobby English.

Roma: la lupa è all'anno 0. Via il Romolo Totti e il Remo de Rossi. Via anche monchi. Tutto affidato a Fonseca per rivitalizzare la piazza. La barca la dovranno guidare Dzeko e Zaniolo.

Sampdoria: le cessioni di Praet e Andersen si sono fatte sentire. Blucerchiati che stanno pagando il cambio di società, da Ferrero a Vialli. DiFra deve dare un cambio di marcia dopo lo 0-3 con la Lazio.

Sassuolo: 13 cessioni tra cui i vari Lirola, Boateng, Sensi, Magnani e Di Francesco. Perso un Po di staffe il Sassuolo di de Zerbi. Boga-Caputo-Berardi: un attacco da salvezza.

Spal: via Lazzari e Fares fuori 6 mesi. Brutte perdite per i ferraresi ma che potranno contare ancora sul loro bomber Petagna.

Torino: solida, organizzata e cinica. Zaza è rinato, Belotti è il solito condottiero e Izzo guida tutti da dietro. Ottime basi per continuare il ciclo mazzarri.

Udinese: squadra tosta e che può permettersi di lasciar fuori uno come De Paul contro il Milan. Tudor sta lavorando bene.

Fonte: l'autore Francesco Albanesi

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.