Serie A, il campionato è già finito?

La Juve è imbattuta e le altre balbettano. Ma i tanti mesi che mancano fanno pensare sia troppo presto per parlare di resa. Senza contare i precedenti...

di Marco Michelli
Marco Michelli
(51 articoli pubblicati)
juve imbattuta dopo la settima

Sono passate appena sette giornate e già qualcono considera che il campionato sia già finito. Certo, i numeri a favore di una Juventus imbattuta sono inconfutabili: 7 vittorie e 21 punti conquistati, una striscia di vittorie che eguaglia i bianconeri del Trap annata 1976-77 e che fa segnare ad Allegri il su record personale di vittorie consecutive in apertura di stagione.

Se a questi numeri aggiungiamo il rilievo statistico dell'aver già incamerato due punti in più rispetto alla scorsa edizione, ossia quella del record, allora è quasi difficile dare torto alle ambizioni bianconere di una stagione che potrebbe addirittura essere coronata dal sogno dell'imbattibilità.

Esagerazioni? Forse, tuttavia quello dei plurititolati campioni in carica resta un cammino immacolato. Certamente, a favore della squadra di Allegri  ha contribuito anche un calendario favorevole in quanto incontrare in trasferta Chievo, Parma, Bologna e Frosinone è un vantaggio notevole, visto che non possono certamente essere considerati avversari insormontabili; per contro, le tre partite sulla carta più complicate (Lazio, Sassuolo e sicuramente Napoli) sono state tutte giocate nel fortino zebrato che è lo Stadium.

Ai tanti auspici favorevoli corrispondono anche le diverse e numerose difficoltà di quelle che avrebbero dovuto presentarsi come possibili avversarie per contendere per lo scudetto. 

Infatti, se il Napoli di Ancelotti appare più quadrato (anche se meno brillante) rispetto a quello di Sarri, proprio nello scontro diretto Insigne e soci hanno mostrato piccole e grandi lacune decisive: peccato, perchè in un complesso che ormai si conosce a memoria un paio di innesti - di livello - in più tra difesa e centrocampo avrebbero consentito la quadratura del cerchio.

La Roma fino al derby è sembrata vittima delle proprie paure: ma, come si sa, i tre punti nella stracittadina potrebbero cambiare pelle e futuro della banda Di Francesco che, solamente due settimane dopo il ko di Bologna, sembrava essere sulla via dell'esonero...

Le milanesi avrebbero tutte le carte per competere ad alto livello ma entrambe ancora giocano con il freno a mano tirato. Il Milan di Gattuso, con i ripetuti alti e bassi (e i pareggi con avversarie inferiori) pare non essere ancora un gruppo maturo per ambire alla vetta; l'Inter di Spalletti invece stupisce, ovviamente in negativo, perché nonostante una rosa di livello super, dista già ben otto punti dal vertice. Sulle altre è notte fonda, con Fiorentina e Lazio che appaiono incapaci ad ambire a traguardi più prezioni dell'Europa League. 

Ciononostante, mettere i titoli di coda ad una stagione appena un mese dopo il suo inizio sarebbe assolutamente un peccato veniale. Perché per tutte le papabili avversarie è ancora possibile inanellare un filotto capace di riportarle in alto e anche per il fatto che, per la stessa Juve, non è certamente questo il momento di fare bilanci.

Il futuro porta impegni ravvicinati di Champions League, possibili infortuni (succedono a tutti) e cali di forma, nonostante una rosa stellare. Se poi ci si mettono anche le vicende societarie, come l'addio di Marotta, ecco che il traguardo resta lontanissimo. Insomma, se al momento Ronaldo e compagni non sembra abbiano avversari sul loro cammino, devono aver paura in primo luogo di loro stessi e di quei cali di tensione legittimi in stagioni lunghe e fatte di tanti impegni.

Un monito da tener presente e che deve restare ben impresso nella mente di Allegri e dei giocatori: la squadra che in Italia ha fatto il record assoluto di vittorie iniziali in campionato è stata la Roma 2013-14 condotta da Rudi Garcia. E quell'anno, nonostante tutto, i giallorossi non vinsero il titolo...  

https://www.gazzetta.it/Calcio...

Fonte: l'autore Marco Michelli

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.