Le disfatte dell’ultimo decennio della Roma in Champions League

LE DISFATTE GIALLOROSSE IN CHAMPIONS E IL SOGNO DI CREDERCI PER LA SECONDA VOLTA DOPO BARCELLONA.

di Gianmarco De giorgi
Gianmarco De giorgi
(15 articoli pubblicati)
ROMA - BAYER MONACO 1-7

All'Anfield di Liverpool non è mai semplice giocare, come in tutti i campi della Premier League oramai divenuto dagli addetti ai lavori il miglior campionato al mondo oltre che al più ricco. 

A partire dalla Champions League edizione 2006/07 i giallorossi hanno avuto poca fortuna in terra britannica. I tifosi della Roma, ma anche i normali appassionati di calcio sicuramente si ricorderanno del match di ritorno dei quarti di finale a Manchester, dove la Roma era costretta a difendere il 2-1 a suo favore dell'andata all'Olimpico. Bene quella partita terminata con un sonoro 7-1 per gli inglesi è stata una disfatta per la formazione giallorossa sotto il profilo del risultato e una magra consolazione per essere arrivata ai quarti di finale dopo 4 anni di assenza dall'Europa che conta. 

Un'altra epica disfatta la Roma l'ha subita nell'edizione Champions League 2014/15. In quella edizione la Lupa si trova ad affrontare una fase a gironi con Bayer Monaco e Manchester City. Un girone di ferro nel quale i giallorossi si stavano tutto sommato comportando bene fino alla partita contro i tedeschi, all'Olimpico. Un crollo verticale vissuto con agonia di fronte al popolo romano contro i bavaresi. Nell'ordine Robben, Goetze, Lewandowski, di nuovo l'olandese, un rigore di Mueller, Ribery e Shaqiri fanno sette per gli ospiti, mentre il solo Gervinho non allevia i dolori dell'Olimpico. Quindi anche in terra amica si ripresenta lo spettro delle sette reti.

L'ultima disfatta più recente oltre a quella di Liverpool dell'altra sera, la ritroviamo nella fase a gironi dell'edizione Champions League 2015/16. Barcellona - Roma 6-1. La Roma passa a fatica il turno in un girone abbordabile, ma subisce una terribile sconfitta nel corso della quinta giornata. Il 6-1 del Camp Nou è scritto dalle doppiette di Suarez e Messi, oltre che dai gol di Piqué e AdrianoNeymar e Dzeko sbagliano un rigore per parte, prima che l'attaccante bosniaco trovi il gol della bandiera in pieno recupero.

La storia recente però ci insegna che i miracoli esistono. Ribaltare il 4-1 subito a Barcellona con un 3-0 all'Olimpico non è cosa da tutti i giorni, ma un prodigio sportivo.

Chissà non possa ripetersi anche il 2 Maggio?

Fonte: l'autore Gianmarco De giorgi

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.