Che fine hanno fatto le bandiere nel calcio?

Non solo il caso De Rossi paga lo scotto della società azienda

di Giuseppe Capano
Giuseppe Capano
(18 articoli pubblicati)
Juventus FC v SSC Napoli - Tim Cup Final

Dobbiamo ammetterlo senza troppi giri di parole, l'antologia del calcio nazionale ed internazionale è ormai cambiata. Quelle che un tempo erano le bandiere, punti fermi per un'intera squadra, ormai lasciano il posto alle strategie di marketing e profitti vari.  L'ultimo caso, che ha sconvolto l'opinione pubblica sportiva, è quello inerente a Daniele De Rossi, capitano della Roma nonché ombra di Francesco Totti in tutti questi anni. Dopo 18 anni a cospetto della squadra capitolina, la società nella figura del presidente Pallotta, gli firmano il ben servito, offrendogli un posto da dirigente. 

Lo stesso De Rossi non sembra convinto di questa proposta, anche perché, a suo avviso, può dare ancora tanto al calcio giocato. Effettivamente, il giocatore giallorosso è stato si vittima di numerosi infortuni stagionali, ma ha sempre mostrato sul campo le sue capacità tattiche esprimendosi a buoni livelli.  Lui stesso, nella sua ultima conferenza stampa dichiara: "Mi sento ancora in grado di giocare" e aggiunge: "Per la Roma avrei giocato anche gratis". 

Tutta questa vicenda, come abbiamo già detto, lascia l'amaro in bocca ai tifosi romanisti, arrabbiati anche per la pubblicazione di presunti audio del calciatore, dove egli stesso manifesta tutta la sua delusione per l'atteggiamento della proprietà. De Rossi non è l'unico caso ad aver subito una cosa del genere. Basta riavvolgere il nastro è osservare il tragico addio di Del Piero dalla Juventus. Anche in questo caso, la proprietà capeggiata da Andrea Agnelli, decise di mandare via una delle icone bianconere, un campione del mondo rimasto capitano anche in serie B. Tutto questo, si concretizza con le stesso Agnelli, nelle dichiarazioni di congedo a Max Allegri" La Juventus è un'azienda punto". 

Si sa, oggi il calcio è un'azienda priva di sentimenti, d'altronde come può una società aver a cuore le sorti dei beniamini dei tifosi?  Bilanci, profitti, industria, sono tutte parole prive di significato per i tifosi, parole che oggi più che mai sviliscono  la vera essenza del calcio. 

Fonte: l'autore Giuseppe Capano

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.