Napoli rivendica: De Laurentiis, impara a fare il mea culpa

Finché il presidente del Napoli non capirà per quali motivi ha perso lo Scudetto anche quest'anno, i partenopei non festeggeranno mai a fine stagione

di Ciro Balestrieri
Ciro Balestrieri
(53 articoli pubblicati)
Aurelio De Laurentiis

Oggi è andato in scena l’ennesimo teatrino del presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis scaricando le colpe della sconfitta addosso alla classe arbitrale o al “sistema” in generale, invece di riflettere sugli errori commessi in primis da lui stesso e dal resto della società. Durante la conferenza stampa se ne è uscito con affermazioni di questo calibro: "Questi sei punti di distacco dalla Juve li dobbiamo mantenere se vogliamo poi fare una valutazione oggettiva e poter attribuire a qualcuno la responsabilità per gli otto punti che ci hanno rubato. A quel punto sì che gli arbitri e la Var nello specifico ci avrebbero negato lo scudetto. Nel mondo del calcio non è ancora chiaro quello che è lecito e quello che è illecito e noi dobbiamo stare in silenzio". In primo luogo è tutto da dimostrare che al Napoli siano stati tolti 8 punti, questo lo dice lui; poi non si capisce perché questi 8 punti mancanti siano improvvisamente apparsi dopo che il Napoli ha perso il campionato e non ne aveva parlato nessuno dopo la vittoria allo Stadium contro i bianconeri.

Inoltre non si può scaricare un tecnico come Sarri, artefice di una grandissima stagione anche se ha commesso degli errori che sono costati la vittoria finale. È indiscusso che gli azzurri abbiano giocato il miglior calcio d’Italia e forse d’Europa dietro soltanto al Manchester city allenato dal Pep Guardiola. Ma dire cose del tipo “siamo tutti grati a Sarri ma vincevamo anche prima di Sarri, con giocatori di miglior livello e con 1/3 degli stipendi. Noi siamo arrivati secondi con Mazzarri. Erano altri momenti, si dirà, si facevano meno punti, si dirà, ma questi sono i fatti” sono totalmente ingiuste nei confronti dell’allenatore, e poi, prima vincevano cosa? La coppa Italia? Ah be', allora cambia tutto!

Invece di prendersela con tutto il mondo dovrebbe pensare ai propri errori e a quelli della squadra. Domanda numero 1, perché a Gennaio Mr. President non ha comprato la ceppa di nessuno? Non è riuscito a convincere Simone Verdi a venire via dal Bologna (non dal Real Madrid) a Fuorigrotta e non è riuscito nemmeno a strappare Napolitano al Sassuolo. Avrebbe potuto tranquillamente prendere in prestito o acquistare ad una cifra conveniente Delofeu ed invece non è stato neanche preso in considerazione. Chiaramente senza contare gli acquisti sbagliati alla Maksimovic per 19 e di Pavoletti per 18 milioni di euro. Per un club con poche disponibilità economiche gettare al vento quasi 40 milioni non è affatto poco, è colpa della VAR anche questo? Oppure vogliamo parlare del fatto che il Napoli non ha ancora una stadio di proprietà, e che senza un mezzo del genere pensare di competere alla pari con i bianconeri è del tutto folle al giorno d’oggi.

Anche la perseveranza di Sarri ha contribuito alla sconfitta visto che non utilizzava mai giocatori di ottimo livello come Giaccherini, Rog, Ounas nemmeno contro il Benevento, Crotone, Verona e le altre cenerentole del campionato. Gli altri allenatori non sono degli sciocchi a fare turnover fin dall’inizio della stagione, lo fanno per evitare che “scoppino” come è successo al trio Mertens-Insigne-Callejon. Se si partisse dai propri errori invece di accampare ogni anno delle scuse per giustificare i risultati insoddisfacenti forse il Napoli potrebbe ambire a vincere il suo primo Scudetto dall’era Maradona. Se si vuole continuare su questa strada non sarà difficile capire quale sia il destino degli azzurri, ossia quello di finire inesorabilmente dietro alla Juventus e di lamentarsi per aver perso di nuovo.

Fonte: l'autore Ciro Balestrieri

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.