Nuovo corso Milan: se garantisce Paolo Maldini, io mi fido

L'ex capitano e leggenda rossonera accetterà l'incarico di DS offertogli dal fondo Elliott nuovo azionista del Milan?

di Andrea D'amore
Andrea D'amore
(22 articoli pubblicati)
Paolo Maldini

Paolo Maldini non ha bisogno di presentazioni, la sua fama leggendaria lo precede. Nella sua lunga ed entusiasmante carriera ha accumulato trofei e riconoscimenti, distinguendosi dentro e fuori dal campo per la sua rettitudine e integrità. Non è mai sceso a compromessi col rischio di macchiare la sua immagine, anche a costo di attirarsi qualche malcelata antipatia. Per questo motivo quando la nuova proprietà cinese, o sedicente tale, lo contattò per offrirgli un ruolo nello staff dirigenziale lui dopo aver valutato attentamente l'offerta ha declinato gentilmente. I dubbi erano tali e tanti che non se l'è sentita di avventurarsi in un progetto così nebuloso. 

Ora possiamo dirlo con certezza: aveva ragione lui. Il castello di carte con in cima lo sfuggente Yonghong Li è crollato dopo poco più di anno, e il Diavolo è sprofondato in un abisso che pare senza fine. Troppo facile dire ora: "io l'avevo detto". Perché molti tifosi rossoneri, me compreso, erano ancorati alla speranza che il piccolo imprenditore dagli occhi a mandorla ci stupisse e riportasse il Milan al top. Ero convinto che Fassone e Mirabelli fossero una coppia che meritasse fiducia, e la campagna acquisti dello scorso anno fosse il preludio ad una nuova rinascita. Come mi sbagliavo, mi sono fatto abbindolare da qualche lustrino. Così non ha fatto la UEFA che fin da subito ha dispensato critiche al piano di attuazione della nuova società, finendo poi per dover estromettere la squadra dalla competizione europea alla quale si era qualificata. Quell'Europa League raggiunta con fatica all'ultimo respiro ora rimane un miraggio distante. 

Basta quindi con i proclami, gli slogan, i video e le roboanti promesse. Serve chiarezza e serve soprattutto una persona che sia garanzia di serietà, che rispetti la gloriosa storia del Milan e rianimi i suoi tifosi delusi e frustrati. Quella persona ha un nome e cognome: Paolo Maldini. La palla ora è passata al fondo americano Elliott che pare intenzionato a proporre l'incarico di Direttore Sportivo all'impavido capitano. Se questa volta lui accetterà l'invito allora avremo una solida ipoteca sulla bontà del progetto. Se lui ci metterà la faccia allora possiamo dormire sonni tranquilli, la mia fiducia nel Capitano è totale e incondizionata. Attendiamo il tuo ritorno Paolino certi che tu come un faro potrai guidare il derelitto vascello rossonero, incagliato da troppo tempo nelle secche, ad attraccare in un porto sicuro pronto a partire verso un luminoso orizzonte ricco di nuove ed esaltanti avventure.

Fonte: l'autore Andrea D'amore

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.