Nasce il Milan di Elliott: ecco cosa cambia

Dopo il cambio di proprietà e la nomina di un nuovo Consiglio di Amministrazione prende forma il nuovo Milan targato Elliott

di Andrea D'amore
Andrea D'amore
(22 articoli pubblicati)
Presidente Milan Paolo Scaroni

Si è da poco concluso il Consiglio di Amministrazione del Milan: Paolo Scaroni è stato nominato nuovo Presidente esecutivo della società. Il suo nome era quello più quotato per ricoprire questa prestigiosa carica e la sua nomina conferma quanto trapelato nei giorni scorsi, la nuova proprietà rappresentata dal fondo americano Elliott punta su figure note e con un curriculum importante alle spalle. Scaroni incarna appieno queste caratteristiche, laureato in Economia e Commercio alla Bocconi ha ricoperto cariche direttive nelle società per cui ha lavorato, in alcune delle quali ha ricoperto il ruolo di Vice-Presidente e di Presidente con risultati pregevoli. Vanta anche esperienza in ambito calcistico, dal 1997 al 1999 è stato il Presidente del Vicenza Calcio vincendo in questi due anni una Coppa Italia e raggiungendo la semi-finale della Coppa delle Coppe

Prima di questa decisione l’Assemblea dei soci del club meneghino aveva chiesto e ottenuto il cambio dei consiglieri che componevano il CdA: fuori i rappresentanti della vecchia proprietà cinese, e dentro quelli individuati dal fondo americano Elliott. Ne hanno fatto le spese l’ex Presidente Yonghong Li e Marco Fassone sollevato dalla carica di Amministratore Delegato a cui sono stati contestati “la gestione dei contratti interni alla società, la responsabilità nei piani prospettici e la struttura del mercato cinese”. Insieme a loro sono cadute le teste di David Han Li, Lu Bo e Renshuo Xu. Il nuovo Consiglio di Amministrazione sarà quindi composto da: Paolo Scaroni, anche in veste di Presidente esecutivo della società, Marco Patuano, Franck Tuil, Giorgio Furlani, Stefano Cocirio, Salvatore Cerchione, Alfredo Craca e Gianluca D'Avanzo.

Per il ruolo di Amministratore Delegato, assunto per ora ad interim dal neo Presidente Scaroni, viene indicato con insistenza il nome di Ivan Gazidis, attuale direttore esecutivo dell’Arsenal, ma la nuova proprietà ha deciso di prendersi il tempo necessario per valutare il profilo adatto a ricoprire questo ruolo. Rimane in carica come Direttore Sportivo Massimiliano Mirabelli anche se verrà per così dire “affiancato” nel ruolo di Direttore Responsabile dell’Area Tecnica da una vecchia conoscenza del calcio italiano: Leonardo de Araujo.

Non si è fatto attendere il comunicato di Paul Singer, fondatore e Co-CEO di Elliott, nel quale afferma che “Elliott è ben attrezzata per fornire stabilità finanziaria e adeguata supervisione, elementi fondamentali per il successo sul campo e un’esperienza di livello mondiale per i tifosi”. Si riaccendono quindi le speranze delle centinaia di milioni di tifosi milanisti in giro per il mondo, e cominciano a circolare nomi di grandi giocatori disposti a vestire la maglia rossonera. Bisogna però essere cauti in questo momento, il triste ricordo del “e ora passiamo alle cose formali” è ancora vivo e abbandonarsi a facili entusiasmi potrebbe portare nuovamente ad un brusco risveglio.  

Museo Casa Milan
Fonte: l'autore Andrea D'amore

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.