Milan-Inter, il derby dei gol mancati (e annullati)

Bicchiere mezzo pieno per il Milan, che ringrazia la giornata no di Icardi. Tanto rammarico invece per l'Inter, a cui lo 0-0 va piuttosto stretto

di Riccardo Anelli
Riccardo Anelli
(64 articoli pubblicati)
MILAN INTER DERBY 4 APRILE 2018

Milan-Inter

Giorno insolito, orario insolito, ma la sostanza non è cambiata: Milan-Inter ha prodotto ancora una volta il (quasi) tutto esaurito a San Siro. Stimati infatti oltre 77000 spettatori presenti. Perché un derby è sempre un derby. L'attesa, l'emozione della partita, le recriminazioni, le polemiche finali, la rivalità. Insomma, tanta carne al fuoco che solo questo tipo di sfide può regalare. Ed è stato così anche in questa occasione. L'ingresso allo stadio a circa quaranta minuti dall'inizio, l'inevitabile sguardo di ammirazione per la Scala del Calcio, che spesso e volentieri riserva un colpo d'occhio veramente suggestivo e successivamente il riscaldamento delle due squadre. Una grande atmosfera da immortalare con foto, video e post sui social. Dopodiché però inizia il conto alla rovescia. L'ennesima stracittadina di Milano può finalmente iniziare.

Inter con il piglio giusto, Milan che ringrazia il Var

Partenza convinta dei nerazzurri, che fin da subito prendono in mano le redini del gioco. I rossoneri attendono, talvolta rischiano, ma non capitolano. Inizialmente ci prova Brozovic (si rivelerà poi uno tra i migliori in campo), ma entrambi le conclusioni si perdono a lato. La prima vera chance però capita sulla testa di Bonucci. Punizione tagliata di Calhanoglu dal vertice sinistro, spizzata del capitano milanista, ma Handanovic risponde da campione. Lo sloveno infatti ci mette la manona sinistra e sventa il pericolo. Al minuto 38 però Icardi fa esplodere il settore riservato ai tifosi interisti, battendo a rete con grande freddezza. L'urlo però viene strozzato in gola dopo la verifica del Var, che evidenzia un leggero (quasi impossibile da vedere con l'occhio umano) fuorigioco dell'attaccante argentino. Ed il pubblico di fede rossonera si lascia andare ad un boato. Più che gioia però sembra essere un sospiro di sollievo.

Tante occasioni, ma tutti si ricorderanno di quelle divorate da Icardi

Nella ripresa partono meglio i ragazzi di Gattuso, pericolosi con Kessie e Cutrone. La squadra di Spalletti però continua ad avere quel qualcosa in più, sia come gestione della palla che come predominio territoriale. Ed al 57' ecco la prima occasione colossale fallita da Mauro Icardi. Candreva mette al centro, Donnarumma non ci arriva, ma il nueve nerazzurro spedisce incredibilmente fuori. Altro rimpianto Inter, altro grosso rischio per il Milan. A ridosso del 70' però Cutrone supera Handanovic in rovesciata e per qualche secondo scatena la gioia del pubblico di casa. L'attaccante infatti era in netto fuorigioco. Il finale di gara invece è sul filo del rasoio. Il Biscione spinge, il Diavolo soffre, ma resiste. Il quarto uomo espone la lavagna luminosa, indicando tre minuti di recupero. E proprio nell'extratime capita, ancora a Icardi, la seconda chance gigantesca, che avrebbe riscritto la storia di questo derby. Sull'assist di Cancelo però, l'attaccante arriva con un attimo di ritardo ed in spaccata conclude incredibilmente a lato.

I tanti significati di questo 0-0

Si chiude così a reti inviolate l'attesissimo match tra Milan e Inter, che alla fine si sono spartite la posta in palio. Sia da una parte che dall'altra però c'è sia il bicchiere mezzo pieno che quello mezzo vuoto. Per come è stata la partita infatti, il punto portato a casa dai rossoneri è guadgnato. Il rovescio della medaglia però vede la zona Champions ad otto punti di distanza con altrettante gare ancora da giocare. Finche la matematica non condanna è giusto provarci fino all'ultimo. La strada però è in salita. Riguardo invece ai nerazzurri, bene l'aver tenuto a distanza i cugini ed essersi portati ad un solo punto dalla Roma (attualmente terza). Detto questo, il rammarico non può che esserci dopo le occasioni divorate dal proprio bomber. Insomma, a questo punto lo possiamo dire: è stato il derby dei gol mancati (e annullati).

Fonte: l'autore Riccardo Anelli

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.