Milan: contro il Benevento una delle sconfitte più umilianti di sempre

Partiamo da un qualcosa di aritmeticamente esatto.

di Carlo Pogliani
Carlo Pogliani
(11 articoli pubblicati)

Partiamo da un qualcosa di aritmeticamente esatto: il Milan perde in casa zero a uno con il Benevento ultimo in classifica e consegna alla storia una delle sconfitte più umilianti di sempre, senza se e senza ma! Partiamo anche dal riscontro sempre aritmetico che settimi eravamo con la precedente gestione e settimi siamo ora con l'attuale... ok, aritmeticamente non fa una piega! Siccome, però, noi non siamo supporter da televideo e nemmeno prof di matematica (che comprende anche la geometria, quindi oltre all'aritmetica anche l'eventuale disposizione tattica in campo, geometrica appunto)... cerchiamo di eliminare qualche inesattezza, perché non è un'opinione, la matematica appunto.

Prima dell'arrivo di Gennarino, il settimo posto a pari punti con il Chievo e con il Bologna valeva un posto nella "Nulla League" visto che il primo posto utile per l'Europa League era distante sette punti: Milan venti, Samp ventisette. Ora il Milan ha tre punti di vantaggio sulla stessa Samp e sulla Fiorentina a quattro dalla fine, se poi qualcuno pensava veramente si potesse lottare per un posto in Champions, bisognava vincere sempre nel girone di ritorno, quello in cui la squadra ha cominciato a correre dopo una preparazione rifatta da zero. Quei tre punti di vantaggio hanno un valore in chiave Europa League, anche se solo dai preliminari, perché noi siamo arrivati in finale di Coppa Italia eliminando Hellas, Inter e Lazio con incontri di ottimo livello contro compagini interessatissime alla qualificazione.

Purtroppo la sconfitta contro le "Streghe" rimarrà una macchia indelebile in un percorso dignitosissimo che nel girone di ritorno ci aveva visto battere Samp, Lazio e Roma e impattare con Inter e Napoli, compagini che nella tornata precedente ci avevano rullato con due/tre/quattro goal sul groppone (aritmetica, non invenzioni).

Rimango dell'avviso che una traccia buona sia stata tracciata a prescindere dal risultato del nove Maggio, perché Chalanoglu, Bonucci, Biglia e Kessié verranno molto buoni nel prossimo torneo dopo aver preso confidenza con la prima squadra in questo primo anno di Milan, Romagnoli e Calabria faranno parte stabilmente dell'undici titolare e il rientro di Conti sanerà molte banalità offensive dell'out destro. Cutrone sarà la mina vagante a partita in corso (è un novantotto) e Locatelli in queste ultime quattro partite più la finale dimostrerà di essere da Milan, cosa già ampiamente acclarata nella scorsa stagione (è un novantotto). Volevo sottolineare il fatto che l'ultima parte del girone di andata non si più addebitare all'attuale gestione, visto che caricare e giocare (in scioltezza e brillantezza) contemporaneamente è praticamente impossibile. La precedente gestione non aveva fatto preparazione atletica, ma pugilato e dieta vegana e per questa ragione il preparatore atletico e' stato allontanato dopo un terzo del Campionato, caso unico nella storia del calcio mondiale.

Rimango dell'avviso che perdere in casa con il Benevento rimarrà macchia indelebile per la nostra vita calcistica futura, ma arrivare a rimpiangere colui che in tre gestioni, Samp, Milan e Siviglia, non proprio tre "squadrettine", ha raccolto una media punti da retrocessione, mi sermbra eccessivo. Qualcuno di voi riesce a vedere tutte le partite dal post Zenga blucerchiato in campionato alle attuali in Spagna con i rossoneri nel mezzo? Fatelo, vi imbarazzerete! A proposito: lo United in Champions ci arriva grazie alla vittoria in Europa League, in Premier era arrivato quinto! Il Siviglia di Europa League ne ha vite tre consecutive e nella Liga la qualificazione l'aveva ottenuta sul campo.

Benevento Calcio v AC Milan - Serie A
Fonte: l'autore Carlo Pogliani

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.