Il TAS di Losanna ha deciso: Milan in Europa League

Il Collegio arbitrale ha considerato troppo dura la sanzione comminata dalla UEFA nei confronti della società rossonera, riammettendola a partecipare alle coppe

di Andrea D'amore
Andrea D'amore
(20 articoli pubblicati)
Milan in Europa League

I tifosi rossoneri possono festeggiare, la sentenza tanto attesa è arrivata: il Milan potrà partecipare alla prossima Europa League, conquistata sul campo. Il Collegio arbitrale presieduto dai tre giudici del Tribunale di Losanna, dopo aver ascoltato i dirigenti della società rossonera e aver analizzato la sentenza emessa lo scorso 19 giugno dall’Adjudicatory Chamber dell’UEFA, ha accolto parzialmente il ricorso presentato dai legali del Milan affermando che l’esclusione dalle coppe europee era una pena non proporzionata all'illecito commesso, chiedendo pertanto all’Adjudicatory Chamber dell’UEFA di comminarne una più congrua con quanto rilevato

Questa decisione è figlia della mutata situazione ai vertici della società rossonera avvenuta in seguito al mancato versamento, da parte dell’ormai ex-presidente Yonghong Li, dei 32 milioni di euro per l’aumento di capitale previsto dall'accordo con il fondo americano Elliott. Il fondo, con a capo Paul Singer, è quindi divenuto l’azionista di maggioranza dell’AC Milan, azzerando di fatto il debito che la società aveva contratto con gli americani in precedenza. Il giudizio emesso il 19 giugno dall’Adjudicatory Chamber dell’UEFA era stato molto severo in quanto, la stessa UEFA, si era mostrata fin da subito molto scettica nei confronti della proprietà cinese e del suo piano di investimento. Uno scetticismo che alla luce dei fatti occorsi nelle ultime settimane era del tutto giustificato. Elliott è invece un interlocutore riconosciuto e affidabile, pertanto si potrà discutere un accordo tra la UEFA e il Milan su solide basi societarie e su di un piano commerciale più convincente.

Sono giorni importanti per il club meneghino, il Consiglio di Amministrazione indetto per domani 21 luglio sancirà definitivamente il nuovo passaggio di proprietà, verrà nominato un nuovo Presidente e, probabilmente, un nuovo Amministratore Delegato e un nuovo Direttore Sportivo. Il fondo americano Elliott sembra intenzionato a restare azionista di maggioranza per un periodo di medio-lungo tempo, rimettendo in ordine i conti e aumentando progressivamente il valore della società. La speranza dei tifosi rossoneri è che finalmente si possa tornare a parlare di calcio giocato, che la nuova proprietà sia stabile e duratura e che il Milan possa tornare ad essere un club di calcio prestigioso e, soprattutto, vincente.  

Fonte: l'autore Andrea D'amore

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.