L’inesorabile fuga della Juventus

L'abisso tra la Juve e le altre è l'inevitabile conseguenza del mercato. Campionato nato finito, ma che potrebbe essere propedeutico ad un ricambio al vertice

di Roberto Rossi
Roberto Rossi
(35 articoli pubblicati)
Juventus - Cristiano Ronaldo Day

Se dopo sette giornate stiamo qui a chiederci se il campionato sia già finito, può voler dire solo una cosa: fare pronostici non è roba per noi. 

La Juventus è più forte rispetto alla squadra che aveva iniziato il campionato scorso, mentre sul mercato delle principali inseguitrici della scorsa stagione c'è da ragionarci un po'.

Il Napoli non ha aggiunto titolari, ne ha perso uno, Jorginho, che è come aver perso nulla, ma prima di lui è stato accompagnato alla porta colui che da un materiale tecnico di non assoluto valore aveva tratto l'unica squadra capace di tenere il passo dei bianconeri, Maurizio Sarri. De Laurentiis lo ha però rimpiazzato bene, Ancelotti non ha sprecato neanche una goccia degli insegnamenti del suo predecessore, ma su quella base sta dimostrando di poter reinterpretare, dando margini di crescita ad un progetto che sembrava ormai aver espresso il massimo delle proprie possibilità.

Era ragionevolmente impossibile iscrivere la Roma alla corsa scudetto. Caso, fortuna e merito avevano permesso di centrare ad una squadra che aveva perso il proprio miglior calciatore, Salah, senza trovare un sostituto all'altezza di arrivare fino alla semifinale di Champions; quasi un miracolo per il gruppo guidato da Di Francesco. In estate Monchi è riuscito non soltanto a non colmare le lacune create nel mercato precedente, ma ne ha addirittura creato di nuove, cedendo il miglior portiere dell'ultimo campionato e smantellando quello che era il miglior centrocampo dopo quello juventino.

Discorso diverso per la Lazio. I biancocelesti hanno reso la propria rosa numericamente e qualitativamente più profonda, però l'hanno anche cristallizzata in un 3-5-1-1. Correa ha le qualità per affermarsi come ottimo primo cambio, ma è troppo simile a Luis Alberto, un cambio tra i due a partita in corso regala freschezza, ma non è l'alternativa tecnica e tattica che rappresentava Felipe Anderson. Manca un vice Immobile all'altezza.

Quarta a pari punti con la Lazio e in Champions grazie a Vecino e agli errori arbitrali subiti dai biancelesti, l'Inter è sicuramente la squadra che ha fatto il mercato più interessante; ora a Spalletti tocca il compito non facile di trarre da tante novità una squadra. La strada imboccata sembra quella giusta e quasi completa, manca ciò che era stato individuato in Modric ma che anche con un altro nome conserverebbe sempre il suo profumo. 

Il Milan è la squadra che è cresciuta di più, perché unica tra le big ad avere una grande lacuna nel ruolo che più determina una classifica, nel centravanti. Gli effetti collaterali dell'approdo in bianconero di Cristiano Ronaldo gli hanno portato il numero nove più forte del torneo; di contro, il doverlo sostenere in maniera adeguata pare avergli tolto qualche certezza in fase difensiva. È l'anti-Juve di domani.

L'arrivo di CR7, come anche il ritorno di Bonucci, sono operazioni in controtendenza rispetto al mercato a cui ci aveva abituato la Juventus in questi anni di trionfi. Di solito i bianconeri si procuravano piccoli traumi perdendo calciatori importanti, sacrifici necessari per rimanere competitivi stagione dopo stagione, che venivano pagati con partenze lente dovute al tempo impiegato dai nuovi a diventare da Juve. Questo anno si è scelto di puntare sull'usato sicuro e, in quanto usato, anche usurato. Il risultato è una squadra che può essere anniverata tra le favoritissime per la vittoria della Champions League ma che apre la possibilità ad un futuro non più troppo lontano in cui il campionato potrebbe vedere un cambio al vertice.

Fonte: l'autore Roberto Rossi

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.