L’allenatore di calcio: uomini veri!

La solitudine di Luciano Spalletti dopo il fischio finale

di Mino Deiaco
Mino Deiaco
(60 articoli pubblicati)
FC Internazionale v Cagliari Calcio - Se

L'allenatore di calcio è la professione che in Italia  è al centro sempre di discussioni. Ogni settimana preparano la partita. La loro squadra si allena molto per questo momento. Studiano tutto sul proprio avversario. Sanno che intorno i tifosi osservano, commentano le decisioni, su quello che avresti dovuto fare a proposito della preparazione della squadra. I  dirigenti sono ansiosi per questo giorno, per il risultato della partita. I tifosi pregano e tifano per te incondizionatamente, e il grande giorno arriva e l’ora della partita anche.

La tua squadra si sta già riscaldando in campo e gli spalti dello stadio sono gremiti. Tutti ti osservano  come se volessero suggerirti o cambiare qualcosa nella squadra prima del grande momento. Tu in panchina, di lato i tuoi compagni di sempre, il dottore, il massaggiatore, il dirigente accompagnatore, il tuo assistente e il preparatore atletico e i giocatori seduti in panchina. Gli arbitri si schierano, i giocatori sono allineati a centrocampo e la partita sta per iniziare e tu, l’allenatore, come se potessi fermare il tempo, dici: stop! Fermi tutti!

Tu chiedi ad ogni persona presente, dai tuoi compagni al dirigente fino all’ultimo dei tifosi, inclusi i tuoi atleti: chi vuole sedersi al mio posto, qui in panchina?? Tu, allenatore, andresti sugli spalti. Guarderesti la partita come tifoso, dirigente, giornalista, curioso senza nessun obbligo, solo quello di divertirti, sfottere, criticare e arrabbiarti. Bene, sai quanti si siederebbero al tuo posto? Nessuno!

Perché nessuno è valoroso il giusto per cambiare il posto con te in quel momento. Morale della storia: sii te stesso, con i tuoi valori, i tuoi timori, dubbi e virtù.  Sbaglia e indovina  con la tua volontà e la tua determinazione. Perché in quel momento, quando la partita sta per iniziare e durante la partita stessa, la solitudine è quasi totale. 

Mister Spalletti sabato sera non ti ho invidiato per niente quando hai dovuto spiegare le scelte tecniche che hanno forse determinato la sconfitta della tua squadra, ma poi il giorno dopo ho pensato su come sia affascinante il tuo lavoro, anzi la vita di ogni allenatore.

Vita fatte di tante scelte, di tante scelte quotidiane. E pazienza poi se si sbaglia proprio l'ultima. Il mondo del pallone è spietato, non rende merito ai vinti, è come un branco di leoni che attacca una preda che vive in solitudine. L'allenatore lo sa, questo rende il vostro mestiere unico, fatto per uomini veri, uomini capaci di vivere anche in solitudine!

Fonte: l'autore Mino Deiaco

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.