Per fare un PIPITA ci vogliono 20 Dzeko

Entusiasmo inspiegabile per un avvicendamento che non ha ragione di esistere

di Claudio Toschi pilo
Claudio Toschi pilo
(8 articoli pubblicati)

Da qualche settimana inizia a spopolare la voce che vorrebbe Dzeko nuovo attaccante bianconero ed Higuain in uscita in nome di non si sa quale principio.

Al momento sono tutte suggestioni e fantamercato, ma la cosa strana è l'entusiasmo di buona parte dei tifosi juventini.

Premesso che i gusti sono gusti, resta molto difficile smentire certi dati e considerazioni oggettive che renderebbero questo cambio in attacco, una sconfitta.

In primis ritengo che quando la Juve sostituisce un giocatore, debba fare in modo che il neoacquisto sia più forte del predecessore o quantomeno in prospettiva.

Partiamo dall'anagrafica: il bosniaco ha 1 anno in più dell'argentino, quindi non sarà certo un'operazione che andrà a ringiovanire l'attacco. Dal punto di vista tecnico, il confronto è impietoso: Dzeko, forte fisicamente, generoso ed instancabile, è però molto più macchinoso del collega e spesso pasticcia in area, mentre Higuain è molto più immediato nella conclusione. In genere al Pipita basta un controllo per calciare in porta con buonissima coordinazione.

I 2 gol di quest'anno contro il Bayer Leverkusen e l'assist di tacco di prima intenzione per il gol di Douglas Costa in Champions League sono un'ottima dimostrazione della sua immediatezza.

Dzeko è molto bravo a sgomitare ed a fare a sportellate con gli avversari, ma in fase realizzativa si è reso famoso negli anni per errori ai limiti della fantascienza. Ogni anno finisce nella top 5 horror degli errori più gravi del campionato. Per segnare, ha bisogno di diverse occasioni nitide, mentre il Pipita con 2-3 palle gol è sentenza di morte. Un killer instinct che deve ovviamente essere innescato.

Guardando i gol di entrambi, per ciò che riguarda Higuain, dopo aver segnato 107 gol in 190 partite di Liga con il REAL MADRID (molto spesso da subentrato), ha segnato col Napoli 91 gol in 3 anni di cui 71 in Serie A. Dzeko arrivare a 70 ha impiegato 2 anni in più del collega ; la differenza più eclatante si ha confrontando le prime 5 stagioni dei due  (111 gol per il Pipita, 78 per il gigante). Senza dimenticare del record di Higuain di 36 gol in 35 partite di campionato, eguagliato quest'anno da Immobile, il quale però ha calciato ben 15 rigori.

Numeri già di per sé abbastanza significativi che però non raccontano la qualità di Higuain in fase di costruzione e di come riesca a servire palloni ad ampia gittata, di prima intenzione, spalle alla porta e con l'avversario addosso.

In questa stagione, Higuain ha segnato 8 gol in meno di Dzeko, il quale però ha giocato ben 1000 minuti in più( come 11 partite intere in più del collega). E' interessante osservare la composizione di questi minuti: Dzeko ha giocato per 29 volte 90 minuti interi; Higuain soltanto 8 volte e per ben 7 partite ha giocato meno di 20 minuti, dimostrazione di come sia difficile per lui avere le stesse occasioni da gol del bosniaco. Per di più, alla Roma Dzeko viene costantemente ricercato e messo nelle condizioni di segnare, mentre Higuain deve accontentarsi delle briciole, dato che tutta la squadra (lui compreso), giocano per CR7. Il portoghese, indiscutibilmente fuoriclasse, raramente si è messo in mostra per l'altruismo verso i compagni di reparto, men che meno quest'anno. Ha sempre preferito azioni personali piuttosto che servire il compagno smarcato.

Per un attaccante che vive di attimi e di movimenti con i tempi giusti, che deve essere servito con immediatezza ed invece viene sistematicamente ignorato, non è semplice dal punto di vista psicologico. Se la squadra lo servisse con la stessa assiduità con cui serve il fenomeno portoghese, probabilmente i suoi numeri sarebbero ogni anno da record. Aggiungiamo i problemi fisici ed il piatto è servito.

Infine, ritengo lodevole la professionalità del Pipita che è voluto restare alla Juve e mettersi a disposizione come riserva. Dunque, sebbene sia impossibile ad oggi trovare l'erede di Trezeguet, ritengo che tra i due, Dzeko sia indiscutibilmente molto più lontano.

Fonte: l'autore Claudio Toschi pilo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.