Juventus: #SarriBall or #SarriOut?

Qual'è l'hashtag preponderante tra i tifosi juventini in questo momento?

di Daniele Izzo
Daniele Izzo
(3 articoli pubblicati)
Maurizio Sarri - Allenatore Juventus

Il ‘Sarrismo’ non è ancora sbarcato sul pianeta Juve. E, forse, non ci sbarcherà mai. Numerose sono, infatti, già a questo punto della stagione, le voci che vedono e vogliono il tecnico di Napoli lontano da Torino. Il motivo? Sarri era stato preso per portare ciò che, a detta di molti, mancava alla compagine bianconera: il bel gioco e un’identità tattica ben definita e riconoscibile in tutta Europa. Ebbene siamo a metà febbraio ed il mondo bianconero non è assolutamente soddisfatto dell’operato del tecnico e, più di qualcuno, inizia a rimpiangere il tanto vituperato Max Allegri.

NUMERI – Il dato più clamoroso riguarda i gol subiti: sono 24 nella stagione attuale, ben 10 in più dei 14 della primordiale ‘Banda Max’. E la situazione diventa ancor più preoccupante se il raffronto si effettua con la scorsa stagione: i bianconeri lo scorso anno hanno subito 30 gol in tutto il campionato, mentre in questo momento, alla 25° stagionale, ne hanno già subiti 24, in linea già ora con la media conclusiva degli ultimi anni (24). E, dulcis in fundo, i clean sheet della ‘Banda Sarri’ sono solamente 8, mentre l’anno scorso, con le stesse giornate alle spalle, la Juve di Allegri ne aveva totalizzati ben 14 (6 in più).

TATTICAMENTE PARLANDO – Il ‘Sarriball’ lo si è visto a Torino. Almeno sulla carta. Il 24 Agosto, infatti, la prima Juve di Sarri andava in scena allo stadio Ennio Tardini di Parma col più classico dei 4-3-3 dell’allenatore napoletano. Durante la stagione, poi, complici i numerosi e ripetuti infortuni di Douglas Costa e la scarsa condizione, a turno, degli interpreti avanzati (Higuain, Dybala e Ronaldo) il tecnico ha proposto varie soluzioni: dal ‘Digualdo’, il tridente pesante, al trequartista, con Ramsey, Dybala e Bernardeschi che si sono alternati alle spalle delle due punte, per ritornare al 4-3-3 con il rientro dall’infermeria di Douglas Costa (già tornatoci nel match di sabato sera al Bentegodi). Da Milano, semifinale di Coppa Italia, l’ultima variante tattica: nella distinta consegnata all’arbitro il modulo era un 4-3-3, con Dybala e Cuadrado ai lati di Ronaldo; nello sviluppo del gioco, però, sia in fase di possesso che di non possesso Cuadrado si abbassava sulla linea dei centrocampisti, Matuidi si allargava e Ramsey e Pjanic piantavano i piedi al centro del campo. 4-4-2, parlando in soldoni. Col passare dei minuti, inoltre, per far rimedio ad un gioco offensivo molto sterile, che non ha impensierito mai (o quasi mai) il Milan, Dybala retrocedeva per creare superiorità numerica sulla trequarti, andando a configurare una sorta di 4-4-1-1. A dimostrazione del fatto che i moduli sono, alla fine, semplici numeri, e che basta un piccolo accorgimento nella posizione di un solo uomo nelle due fasi per rivoltarli, la Juventus ha cambiato il modo di difendere e di attaccare proprio grazie all'interpretazione del ruolo di mezz'ala. In fase di possesso Ramsey (o Bentancur) si abbassa sulla stessa linea del mediano per dare uno sbocco qualitatevole alla manovra, per portare la palla in maniera più fluida nella zona incisiva del campo. In fase di non possesso, invece, si alza si alza per portare il pressing al costruttore di gioco avversario. In fase di finalizzazione della manovra, infine, la sua fase offensiva rimane del tutto similare a quella che lo vedeva trequartista nel 4-3-1-2 ovvero andare a fare da ‘centroavanti ombra’ per riempire l’area in caso di costruzione di gioco laterale.

Tutto inutile, o quasi. Il ‘Sarri-ball’ a Torino è rimasto sulla carta, almeno per il momento. Il gioco, che tanto entusiasmava Napoli e che convinse l’oltremanica a portare il tecnico napoletano sulle sponde del Tamigi, a Torino non lo hanno ancora visto. Ed i risultati non sono quelli che i tifosi bianconeri speravano quando, a maggio, Allegri fu accompagnato all’uscio.

Fonte: l'autore Daniele Izzo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.