Pirlo buona la prima: la Juventus cala il tris e vince in scioltezza

Poca roba la Sampdoria che rinuncia all'ex Quagliarella dall'inizio consegnandosi alla volitiva truppa bianconera che riscopre il  tipico cinismo del suo dna

di Luca Sala
Luca Sala
(227 articoli pubblicati)
Juventus Unveils Andrea Pirlo As New U23

Esordio soft per l'esordiente Pirlo sulla panchina più pesante d'Italia, di certo favorito da un'avversaria impotente come la Sampdoria apparsa l'ombra della splendida formazione di fine campionato scorso.

Sottolineerei comunque l'immagine dell'imperscrutabile mister made in Flero impeccabile nel suo abito griffato JJ, degnissimo interprete dello stile Juve per antonomasia, già questo un punto non trascurabile a suo favore rispetto al dimesso Sarri che incarnava la tipica figura dell'operaio da catena di montaggio Fiat, senza offesa per la dignità di  chi lo fa di professione a Torino e non solo.

Fresca di bionda tintura la folta capigliatura, curatissima come mai la sua  barba, ecco un vero Pirlo tirato a lucido per la sua grande occasione, facendo intendere come Ronaldo insegna che anche l'occhio vuole la sua parte.

Sul campo ho notato i suoi uomini darsi veramente da fare, giocare semplice che poi non è mai così semplice, con Kulusevski su tutti decisissimo a guadagnarsi il pane e il posto fisso alla sua maniera, con gli strappi migliori del suo repertorio parmense conditi dal solito sinistro chirurgico con cui apriva le marcature al 13° che porta buono come da tradizione.

Nota sicuramente lieta soprattutto la difesa guidata dai ristabiliti Chiellini & Demiral, 2 che basta guardarli per calmare gli attaccanti avversari, difficilmente rivedremo gli svarioni in serie del reparto arretrato come l'anno scorso, con Bonucci a beneficiarne in marcatura di reti e avversari come ai tempi migliori. Penso che però  il vero e più significativo salto di qualità attenda il centrocampo col definitivo innesto del brasilero Arthur, lui sì nuovo Pirlo, altro che Tonali!

Quanto all'attacco ancora orfano di Dzeko per rendere a pieno regime, starei tranquillo col solito devastante Cristiano Ronaldo subito in gol anche se non al top, figuriamoci quando starà bene...

Diciamola tutta: se per rivincere facile in Italia basteranno i preziosi piedi  dei suoi  giocatori, in Champions dove la musica è diversa bisognerà che la mano del Maestro diriga da par suo l'orchestra bianconera evitando le tremende stonature delle ultime esibizioni continentali. Lì avremo veramente la cruda   verità senza tema di smentita: ci troviamo di fronte al solito raccomandato o ad un fior di allenatore ?

 Al campo, come sempre, l'ardua sentenza.

Fonte: l'autore Luca Sala

DI' LA TUA

3
3 COMMENTI

Annulla risposta

Inserisci qui il tuo commento

  1. SportsMan - 2 mesi

    In definitiva Andrea Pirlo vincendo il decimo scudetto rispetterebbe la tradizione di due lustri ,come del resto perdendo in Champions continuerebbe la quasi ventennale astinenza .

  2. SportsMan - 2 mesi

    La prova delle prove resta quella che si gioca in Europa

  3. SportsMan - 2 mesi

    Centrato il tema del giorno sulla positiva prova dei suoi, l’autore pone il quesito sulle effettive capacità del bresciano in prospettiva Champions League.

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.