Juve: perché lasciare andare anche Marchisio?

Il Principino ha rescisso il contratto con la Juve. Dopo gli addii di Buffon e Lichtsteiner se ne va un altro protagonista dei sette titoli bianconeri

di Lorenzo Ciotti
Lorenzo Ciotti
(179 articoli pubblicati)
Juventus v Genoa CFC - TIM Cup

Claudio Marchisio saluta casa. Dopo una vita passata in bianconero, le strade del Principino e della Juventus si separano, clamorosamente proprio nell'ultimo giorno di mercato. Con un post su Instagram, Marchisio ha salutato i suoi tifosi, scrivendo: "Il bene della squadra viene prima di tutto!". Sottolineando una volta di più quanto il DNA bianconero scorra in ogni cellula dell'ormai ex-centrocampista juventino. 

La società ha replicato con un video su Twitter con gli highlights di Marchisio dall'inizio della sua avventura a Torino. Una strada che egli ha percorso dai primi calci, quando aveva solo sette anni. Una stagione a farsi le ossa a Empoli, nell'anno del ritorno della Juventus in Serie A dopo Calciopoli. Dopo Gigi Buffon e Stephan Lichtsteiner saluta un altro eroe dei sette scudetti. 

La politica della società è stata chiara fin dall'addio (non poi gestito così bene) di Alessandro Del Piero, non più in linea con le scelte di Andrea Agnelli, Beppe Marotta e Fabio Paratici. Un addio che però lascia molto l'amaro in bocca, a differenza di quello di Buffon, programmato da mesi

Marchisio, ormai finito dietro nelle gerarchie di Max Allegri, meritava di finire la carriera in bianconero. Forse la corsa non era più quella di tre o quattro anni, ma l'intelligenza tattica, l'esperienza e la tecnica sono state sempre a portata di calcio di palla, come ha dimostrato anche quest'anno nelle occasioni in cui è stato chiamato in causa.

Giusta o sbagliata che sia, questa decisione, arrivata proprio sul gong, sa di trasformazione. Di una squadra che non guarda in faccia a bandiere e condottieri che hanno aiutato la Juve a vincere molti titoli e coppe. Allegri ora si trova con cinque centrocampisti. Il tempo è poco per occupare il vuoto lasciato da Claudio Marchisio. Forse sarebbe stato opportuno un altro genere di epilogo.

Fonte: l'autore Lorenzo Ciotti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.