Il 2019 della Juve: tra il sogno Ramsey e i gol di CR7

Anche Allegri: "Ha un enorme spirito competitivo che ci ha aiutato e che ha contribuito alla nostra crescita, non solo dei più giovani ma di tutti i giocatori"

di Alan paul Panassiti
Alan paul Panassiti
(338 articoli pubblicati)
Cristiano Ronaldo Signs Contract Renewal

Dal Fulham al… Fulham. Aaron Ramsey ritrova il gol in Premier League che gli mancava da quasi tre mesi. L’ultimo sigillo del centrocampista dell‘Arsenal risale allo scorso 7 ottobre, proprio nella gara di andata contro i Cottagers. Il classe ’90, subentrato nel secondo tempo, ha messo la sua firma nel match vinto per 4-1 contro la squadra di Claudio Ranieri, mandando così un importante “messaggio” di mercato alla Juve, sempre in pole per assicurarsi le prestazioni di Ramsey. Il gallese, a 28 anni, ritiene conclusa la sua esperienza con l’Arsenal. E’ in scadenza di contratto, ha valutato diverse proposte, ne ha scartate alcune. E la Juve non è una sorpresa, piuttosto una certezza retrodatata per gli inglesi del Sun. Che addirittura lo scorso 18 novembre, come già segnalato, aveva parlato di accordo raggiunto e di “scelta fatta” da parte di Ramsey. Anche per le cifre da circa 10 milioni e stagione. La Juve vuole chiudere a parametro zero in vista della prossima estate, proprio come ha fatto un anno fa con Emre Can, lavorando ai fianchi per settimane e settimane. E il gol realizzato oggi non è altro che l’ultimo messaggio mandato da Ramsey ai bianconeri…

Intanto, intervistato da Record, Jorge Mendes, agente di Cristiano Ronaldo, ha parlato del campione portoghese e della sua decisione di trasferirsi dal Real Madrid alla Juventus: “Cristiano Ronaldo è più che la figura dell’anno 2018: è la figura del decennio, è la figura del secolo, è il miglior calciatore del mondo di tutti i tempi. Per lui nulla è impossibile e le barriere sono tutte superabili, perché l’asticella da quando era un bambino, è sempre più in alto, senza limiti di alcun tipo. L’ambizione di essere sempre il migliore, così come è realmente, gli impedisce di cadere nel solco della stagnazione. E spiega anche la sua decisione di indossare la maglia di un club come la Juventus, non per un capriccio occasionale, ma per una convinzione. Fu nel gennaio 2018 che il futuro cominciò a essere disegnato. All'epoca gli dissi che sarebbe stato complicato, anche se non impossibile, perché continuo a credere che nulla sia impossibile. Coincidenza delle coincidenze, il sorteggio dei quarti di finale di Champions League ha dato Real Madrid-Juventus ed è stato proprio prima della partita di Madrid che ho avuto il primo incontro con i dirigenti italiani. Poi, l’idea è stata alimentata e maturata e due o tre mesi dopo”.

Anche Allegri, tecnico della Juventus, intervistato dallo stesso giornale, ha parlato di CR7: “Non è diverso da come immaginavo. Mi sono imbattuto in un grande professionista, ma ero convinto che lo fosse. Ha un enorme spirito competitivo che ci ha aiutato e che ha contribuito alla nostra crescita, non solo dei più giovani ma di tutti i giocatori. Ogni giorno vuole sempre essere migliore e questo è un valore prezioso che si unisce al valore di ognuno. Dal punto di vista tecnico, è ovvio che il suo talento è riconosciuto da tutti, ma richiede sempre il massimo a se stesso. Diciamo che, più che sorpreso, è particolarmente piacevole vederlo giocare per il semplice motivo che è un giocatore diverso dagli altri. La più grande virtù di Ronaldo è quella di essere sempre concentrato, sia in partita che in allenamento. Anche se a volte sembra essere un po’ assente, la verità è che è focalizzato al cento percento. E questo atteggiamento c’è in qualsiasi momento della partita, anche se per esempio in 90 minuti arriva una sola palla”. 

Sulle richieste a CR7:I gol! Gli si chiede sempre ciò che conosce meglio e con una naturalezza impressionante. Allora sappiamo, già in anticipo, che sarà a disposizione della squadra con grande umiltà. E questo è un altro valore intrinseco di Cristiano e un esempio per tutti”. Su come sia allenare Ronaldo Allegri non ha dubbi: “È una gioia! Il campionato è un obiettivo naturale della Juventus, mentre la Champions bisogna avere anche fortuna per conquistarla”.

Juventus Training Session
Fonte: l'autore Alan paul Panassiti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.