Epopea di un sorpasso azzardato nella Capitale

Non l'ha fatto apposta a vincere la Juventus, Allegri voleva dare speranze alla concorrenza ma niente!!

di Alan paul Panassiti
Alan paul Panassiti
(299 articoli pubblicati)
SS Lazio v Juventus - Serie A

Giuro che non l'abbiamo fatto apposta. Era assolutamente nei piani perderla questa partita, soprattutto dopo che il Napoli aveva impattato a San Siro contro il Milan. Volevamo la serata sbagliata per dare un senso all'altrui campionato di serie A.

Ma niente! Non saremo neanche arrabbiati nel quarto di finale di Coppa Italia contro l'Atalanta specializzata in rimonte straordinarie. So che da fastidio: ma giuro che ieri volevamo regalare la prima gioia contro una grande alla Lazio. Non eravamo così determinati a vincere, volevamo finalmente prendere una batosta giocando male come sempre.

Allegri ci ha sempre abituato a non avere gioco, ci doveva essere il campanello d'allarme prima dell'Atletico Madrid. Niente.

Nonostante l'assedio degli irriducibili laziali, il portiere polacco stufo di essere criticato da tifosi cui manca Buffon, ha fatto miracoli. Siccome Immobile, stette la sua spoglia immemore senza nussun respiro in area di rigore, voleva far strage di palle goal allora ci ha pensato Emre Can che dorme ha inventarsi una autorete da sogno. Niente!

Erano alle corde le zebre, il plotone d'esecuzione ed pronto a dare il colpo di grazia quando lo stratega di Livorno dalla panchina ha fatto alzare Bernardeschi e Cancelo: voleva solo fare turn over e invece ha fatto casino. Ma niente!

Su un affondo dell'ex Fiorentina, il cui peso specifico si vede solo se cotto al sangue, vedendo i compagni spaesato da troppa grazia, ha innestato il primo crimine della serata: Cancelo ha pareggiato. La Lazio sotto choc voleva vincerla e si è lanciata in avanti. Ma niente!

Quasi senza farlo apposta, da una azione sugli esterni Lulic ha deciso di scalciare da dietro uno juventino degno di peggior sorte sotto porta. Un signore col fischietto, che come tutti gli arbitri secondo il comune sentire è sotto vestito di bianconero, ha indicato il dischetto. Volevamo l'insurrezione popolare all'urlo "ladri"! Niente.

Non l'abbiamo fatto apposta, purtroppo stavolta il rigore c'era e quel vecchiaccio di Ronaldo l'ha trasformato.

Alla fine, nonostante il furto con destrezza e anche sinistrezza, perché dalle fasce è venuto il ribaltone, è pure aumentato il vantaggio.

Non volevamo vincerla questa gara. Lo giuro!!! Ci piaceva, perché nonostante i crimini da noi commessi in anni di dominio solo fortunoso e grazie all'associazione nazionale ciechi, gli arbitri, sperare con assoluta generosità di redimerci perdendo.

Niente da fare. Sarà per un'altra volta. Per un altro campionato e per una nuova storia. Vorrà dire che in Champions Allegri potrà fare gioire i gufi mostrandosi più generoso che in Italia con le sue scelte.

La colpa della Juventus è che realizza da anni i sogni altrui.

Juventus v SS Lazio - Serie A
Fonte: l'autore Alan paul Panassiti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.