Spalletti, l’Inter e la qualità inespressa

Viaggio alla scoperta delle qualità dei giocatori a disposizione di Mister Spalletti

di Francesca Landini
Francesca Landini
(134 articoli pubblicati)
Luciano Spalletti

Nel post partita di Inter-Napoli, hanno fatto molto discutere alcune dichiarazioni di Luciano Spalletti. Frasi che riguardano la presunta mancanza di qualità all’interno della sua squadra. Una mancanza che, a detta del tecnico di Certaldo, è ben evidente. 

D’altronde come dar torto a Spalletti che, a mio modesto parere, ha dichiarato una verità assoluta. La differenza tra l’Inter e le squadre che la precedono (Roma e Lazio per non parlare di Juventus e Napoli), sta proprio nel diverso tasso di qualità dei giocatori a disposizione. 

Tralasciando Juventus e Napoli che sono squadre superiori sotto ogni aspetto ed in ogni reparto di campo (come l’attuale classifica ben evidenzia), Roma e Lazio, invece, hanno dimostrato di avere (o di aver avuto) numerosi problemi durante l’arco del campionato. Problemi tecnici, problemi di normale e fisiologico calo fisico, problemi di ogni genere ma mai dovuti alla mancanza di qualità. 

Le squadre romane, infatti, di qualità ne hanno da vendere. Il centrocampo della compagine giallorossa è uno dei migliori in Europa: Strootman, Nainggolan, De Rossi sono tutti giocatori di livello assoluto e dalla qualità sopraffina. Così come l’attacco che con Perotti, El Shaarawy e Dzeko non pecca certo in dinamismo e creatività. Stesso discorso vale anche per la Lazio.  Inzaghi può permettersi di tenere in panchina un campione come il portoghese Nani, ex di Manchester United, Sporting Lisbona e Valencia.

La squadra nerazzurra, di certo, non spicca per qualità. Sono altre le caratteristiche che meglio descrivono l’Inter: fisicità, potenza fisica, sviluppo di azioni manovrate e ragionate. L’Inter non è bella. Anche ad inizio campionato (quando tutto sembrava andare per il meglio), la squadra non ha mai espresso un gioco spumeggiante. L’Inter ha saputo conquistare molti successi tramite la caparbietà e le capacità tattiche messe in campo dal tecnico di Certaldo. Carattere più che qualità. Quel carattere che con il passare delle giornate è andato scemando ed ha lasciato spazio alla dura ed evidente realtà.

Una squadra non all’altezza in termini di qualità di gioco ed individuale. Basti pensare che il calciatore più raffinato nel centrocampo nerazzurro è Brozovic, ovvero l’incostanza fatta a persona. Marcelo sarebbe in assoluto il centrocampista più forte della rosa a disposizione di Spalletti se solo avesse un minimo di entusiasmo e di spirito di sacrificio in più. Borja Valero, Gagliardini, Vecino sono tutti ottimi giocatori ma ognuno con limiti evidenti che, inesorabilmente, ne condizionano la prestazione. Oltre a Brozovic, Rafinha è un giocatore dotato di una qualità al di fuori della media. Rapido e dal piede vellutato. Una rarità nella rosa nerazzurra. Una rosa all’interno della quale anche i pochi giocatori di qualità presenti (come Perisic e Candreva), non riescono ad imporsi, spariscono nel tatticismo e nel gioco prevedibile e scontato dell’Inter dell’ultimo periodo.

Per Luciano Spalletti, all’Inter manca la qualità. Certamente è così. Ma nei rari casi in cui la qualità c’è, ed è ben evidente, non bisogna nasconderla a favore della tattica. Di quella tattica opprimente che annienta i giocatori fantasiosi e fa emergere tutti i limiti di una squadra costruita per dominare in termini di potenza e di tatticismo. L’Inter è priva di qualità sin dall’inizio del campionato. Quel campionato che i nerazzurri hanno aggredito e “dominato” fino al mese di dicembre. Da dicembre ad oggi le cose sono molto cambiate. La compagine nerazzurra, complice una forma fisica non perfetta ed una mentalità non certo da grande squadra, rischia di vedersi sfuggire anche l’obiettivo minimo della stagione. Rischia di perdere il tanto agognato quarto posto. Quel piazzamento in Champions League che andrebbe a favore di quelle squadre che nei momenti di crisi hanno saputo risollevarsi con le qualità dei propri giocatori. Con la fantasia ed il dinamismo, caratteristiche che scarseggiano all’interno dello  spogliatoio nerazzurro.

Fonte: l'autore Francesca Landini

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.