Milano è nerazzurra – Inter-Milan 1-0

La squadra di Luciano Spalletti si aggiudica la vittoria allo scadere grazie al gol del suo capitano

di Giuseppe Colicchia
Giuseppe Colicchia
(70 articoli pubblicati)
Derby di Milano

L'ANALISI DELLA PARTITA

Quella di Domenica sera è stata una partita strana. Le squadre si studiavano e si temevano, in pochi giocatori provavano la giocata. Partita che ad alcuni può essere sembrata brutta: una di quelle partite bloccate che, per come si mettono, sembra che debbano finire senza reti. E invece… “Presto o tardi, vi purga Mauro Icardi”, recita lo slogan dei tifosi nerazzurri. Il capitano venticinquenne dell’Inter segna allo scadere della partita e manda in delirio i numerosissimi tifosi interisti presenti allo stadio e non solo, proprio come aveva fatto lo scorso anno nel derby di andata, nel quale addirittura aveva realizzato una tripletta con il terzo gol proprio allo scadere, come quest’anno. Ai punti l’Inter avrebbe meritato la vittoria per essere stata più pericolosa dell’avversario. Il gol arriva solo alla fine grazie ad un gran cross dalla destra di Vecino che non viene letto bene dalla difesa milanista e dal portiere che azzarda un’uscita, salvo poi restare a metà strada. Così ad approfittarsene è Icardi, bravissimo nel crederci fino all'ultimo e nel movimento a smarcarsi da Musacchio.

LE PAROLE DI SPALLETTI

Il tecnico interista ai microfoni di Sky ne approfitta per togliersi dei sassolini dalle scarpe: “Ma che vuol dire, i commenti fateli voi. Non cerchiamo di sminuire questo successo, raccontate bene le cose, raccontate la verità. Altrimenti quelli che non sono venuti a San Siro perché sono rimasti fuori non capiscono come sia andata la gara. Oggi se fossero entrati tutti saremmo stati 120 mila. Non ha vinto la squadra che ci ha provato di più, ha vinto quella che ha meritato. Bisogna raccontare la verità, altrimenti si fa come col polpastrello (riferimento al rigore fischiato a favore dell'Inter contro la Fiorentina, ndr) e si trasforma per una settimana un fallo di mano netto in un'altra cosa. Ha vinto la squadra che ha giocato meglio dell'altra. Se tu eri tra quelli (dice riferendosi ad Alessandro Alciato di Sky Sport, ndr) che dicevano che il Milan gioca meglio, ora devi cambiare versione”. 
Poi aggiunge – “Siamo stati bravi perché gli siamo sempre saltati addosso costringendoli a sbagliare quando si sono chiusi in fase difensiva e questo ci ha permesso di fare la partita che volevamo. Non abbiamo commesso errori e non gli abbiamo permesso di puntare sul loro palleggio, che è la loro qualità principale. Nainggolan? Ora è tronco, starà fuori per un periodo e salterà il Barcellona”.  Poi conclude parlando del futuro: “Sono qui per lavorare, non per portare a casa uno stipendio. Sono qui per riorganizzare il futuro dell'Inter e i giocatori devono fare lo stesso. Noi dobbiamo continuare a vincere, l'Inter ha scelto noi per riportare la squadra a livelli importanti che questo pubblico merita. E dobbiamo dimostrare che hanno scelto bene”.

Titolari
Fonte: l'autore Giuseppe Colicchia

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.