Lazio e Inter: dalla finale del 98 ad oggi

Dalle reti di Zanetti e Ronaldo a quelle di Vecino e Icardi, passando per lacrime ed errori

di Giuseppe Colicchia
Giuseppe Colicchia
(70 articoli pubblicati)
Finale Coppa Uefa 98

Lazio e Inter. Basta chiudere gli occhi ed ecco che riaffiorano alla mente gli scontri tra le due squadre che hanno segnato la storia del calcio.

IERI – La partita più importante si giocò nel 1998: Lazio e Inter si affrontarono al Parco dei Principi di Parigi per disputare la finale della coppa UEFA. In quella partita del 6 maggio del 1998 fu l’Inter a imporsi con un secco 3 a 0 grazie alle reti di Zamorano, Javier Zanetti e Ronaldo.

Il 27 maggio del 2001 finì 1 a 1 e fu Dalmat a segnare il gol del pareggio interista, dopo il vantaggio iniziale di Crespo per Lazio. Quello fu un pareggio amaro per i laziali perché persero le speranze di raggiungere i rivali romanisti in testa alla classifica.

Il match del 2002, ricordato ancora oggi dalle tifoserie rivali dell’Inter, è probabilmente il match che più di tutti entrò nella storia. Era il 5 maggio del 2002 e, allo Stadio Olimpico, l’Inter si giocava lo scudetto nell'ultima partita di campionato proprio contro la Lazio. La partita finì sul risultato di 4 a 2 per la Lazio con le reti di  Vieri e Di Biagio per l’Inter e la doppietta di Poborsky, e i gol di Simeone e Simone Inzaghi per la Lazio. Rimasero impressi nella mente degli amanti del calcio le immagini delle lacrime di Ronaldo e quelle del madornale errore di Gresko che, sbagliando un retropassaggio, regalò a Poborsky la palla per il 2 a 2. L’Inter quindi perse la partita e non riuscì a vincere lo scudetto che andò invece tra le mani dei rivali storici della Juventus.

Il ricordo più recente e decisamente più felice per i tifosi nerazzurri è quello del 20 maggio 2018, l’ultima giornata dello scorso campionato. Alla rete iniziale della Lazio, nata da una deviazione sfortunata di Perisic sul tiro di Marusic, si oppose il gol in girata in area di rigore di D’Ambrosio per il momentaneo pareggio. Verso lo scadere del primo tempo arrivò il nuovo vantaggio della Lazio grazie ad un gol in contropiede di Felipe Anderson. Nella ripresa l’Inter tornò in partita grazie al gol di Icardi su rigore causato da de Vrij e, allo scadere, proprio quando le speranze e le forze iniziarono a venir meno, arrivò il gol di testa di Vecino su calcio d’angolo. Memorabile l’esultanza in telecronaca dei telecronisti Sky, Adani e Trevisani: “La prende Vecino! Che segna solo contro le romane e segna il gol del 3 a 2!” e continuò Adani con “la Garra Charrua!”.

OGGI – Chi riuscirà ad imporsi questa volta? Quale calciatore salirà in cattedra in positivo o in negativo? Per scoprirlo non ci resta che aspettare Lunedì sera quando queste due squadre ,le cui tifoserie sono gemellate, si affronteranno per il posticipo della decima giornata di Serie A.

Esultanza Vecino
Fonte: l'autore Giuseppe Colicchia

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.