Inter, Politano e una Champions nel destino

Ad un passo dal togliere la qualificazione alla sua futura squadra, il nuovo acquisto nerazzurro debutterà nella coppa europea più prestigiosa

di Gianmarco Zandon
Gianmarco Zandon
(10 articoli pubblicati)
FC Internazionale v US Sassuolo - Serie

Chissà cosa avrà pensato Matteo Politano quella notte di San Siro, quando con una punizione "alla Pirlo" ha superato Handanovic e ha gelato tutto uno stadio carico a mille. Chissà cosa avrà provato al termine della partita, con il Sassuolo già salvo che sbanca il Meazza grazie alle prodezze sue e di Berardi , con l'Inter che quasi deve dire addio al sogno Champions . Chissà la sua sensazione a vestire ora la maglia nerazzurra , che alla fine ce l'ha fatta a strappare la qualificazione all'Europa che conta: quella coppa agognata da tutto il mondo Inter, ad un certo punto quasi sfuggita per un suo gol, ora se la giocherà anche lui. Come dimostrato anche nella passata stagione, gol e assist non gli mancano e la società nerazzurra è pronta a fregarsi le mani per una sua eventuale crescita: campionato e coppa tolgono energie, ma se si vuole andare fino in fondo in entrambe le competizioni, un giocatore come Politano può rivelarsi importante. Il giovane attaccante si è ritagliato uno spazio da protagonista in Serie A, ed è pronto a farsi conoscere anche nel palcoscenico europeo di maggior prestigio.

CARPE DIEM- Senza dubbio l'esterno d'attacco ha visto arrivare questo treno nerazzurro  di prima classe e non se lo è fatto scappare, correndo a bordo con entusiasmo. E' arrivato a Milano con il sorriso stampato in volto nella giornata delle visite mediche e della firma del contratto, e con la mente rivolta già al "San Siro da brividi", quello stadio a cui aveva fatto provare sconforto in una serata di metà maggio e che ora è la sua nuova casa. Per Matteo Politano l'Inter rappresenta il punto più alto della sua carriera . Dopo le giovanili con la maglia della Roma con cui vince anche un campionato Primavera, nella stagione 2012/2013 passa al Perugia in Prima Divisione di Lega Pro, dove realizza 8 reti in 33 presenze. Nel biennio successivo è in comproprietà al Pescara, in Serie B, dove si inserisce stabilmente nell'undici titolare : 81 presenze e 12 gol ( uno nei playoff 2015 per la Serie A contro l'ex Perugia) e 10 assist. In estate la Roma si aggiudica Politano alle buste ma lo gira subito al Sassuolo, dove nei tre campionati disputati, riesce a inserirsi e a farsi conoscere in Serie A.

Alla sua prima stagione in maglia neroverde fa 5 reti e 2 assist in 29 partite ma  realizza il suo primo gol in Serie A  proprio contro la Roma (squadra che detiene il suo cartellino) e la sua prima doppietta proprio contro l'Inter all'ultima giornata. Con corsa e giocate offre il suo contributo per la qualificazione in Europa League, competizione in cui riesce a segnare all'Atletico Bilbao e al Genk. E' interamente del Sassuolo e con Di Francesco in panchina matura tecnicamente e tatticamente, diventando sempre più un perno della squadra: chiude la stagione con 8 reti e 8 assist in 42 presenze. Nel 2017-2018 compie la sua miglior stagione in un anno sofferto per la squadra emiliana e risulta l'artefice principale per la permanenza nella massima serie: ben 2830 minuti giocati,  10 gol e 5 assist ai compagni in 36 gare disputate. Complice un campionato non proprio dorato da parte di Berardi, è Politano a caricarsi il Sassuolo sulle spalle, decisivo nella lotta per non retrocedere : gol e assist nelle vittorie contro  Spal,Crotone, Udinese e Inter, gol nei pareggi con Napoli,Benevento e Milan (a San Siro), gol nelle vittorie per 1-0 contro la Fiorentina e due settimane dopo contro la Sampdoria, regalando matematicamente la salvezza ai  suoi. Infine,  si ripete a San Siro proprio contro l'Inter, chiudendo in bellezza un'ottima stagione per il rendimento personale, procurando al Sassuolo 24 punti sui 43 complessivi

CHAMPIONS-  La carriera in continua ascesa di Matteo Politano si intreccia col ritorno in Champions dei nerazzurri, che mancava dal 2011/2012. E' la grossa occasione mai avuta dalla Roma : giocare in un top club, e magari togliersi qualche soddisfazione "europea", quella che stava per  sfumare con una sua  punizione . In Champions. Con l'Inter.

Fonte: l'autore Gianmarco Zandon

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.