Inter-Barcellona, parola d’ordine: crederci!

Per i ragazzi di mister Spalletti il big match con i marziani del Barça arriva puntuale in un periodo di forma eccellente. E il Meazza è l'arma in più...

di Stefano Masini
Stefano Masini
(2 articoli pubblicati)

Mancano poche ore alla partita della quarta giornata della fase a gironi di UEFA Champions League tra Inter e Barcellona. E' da tanto, troppo tempo che i tifosi interisti stavano aspettando questo momento. L'ultima volta che il Barça aveva fatto visita a Milano - sponda nerazzurra - era ad aprile 2010, in occasione dello "scontro tra titani" (così lo avevano rinominato i media) valido per la semifinale di andata di Champions; quella vittoria per 3-1 resta senza dubbio uno dei ricordi più dolci dell'annata del triplete, quasi alla pari della notte di Madrid che riconsegnò alla Beneamata la coppa dalle grandi orecchie dopo ben 45 anni. In quell'occasione si affrontarono due corazzate tutto sommato alla pari, ma ad oggi il dislivello tra le due formazioni è enorme; vistoso quello dal punto di vista qualitativo, eccessivo quello dal punto di vista dell'esperienza in campo europeo. Infatti, mentre il Barcellona si presenta tutti gli anni come una delle principali candidate alla conquista del titolo di regina d'Europa, l'Inter è tornata a giocare la Champions League quest'anno, dopo ben sette stagioni.

Due settimane fa le due squadre si sono incontrate al Camp Nou per la partita di andata e i padroni di casa hanno, come ormai consueto, imposto le proprie leggi: il risultato finale è un 2-0 che annovera tra i marcatori anche l'ex di turno, Rafinha Alcantara. Tutto sommato però i nerazzurri non se la sono cavata male, rimanendo in partita fino all'84° minuto di gioco, quando Jordi Alba ha infilato Handanovic chiudendo il discorso. Se poi si pensa che a distanza di soli quattro giorni il Real Madrid è riuscito a prendere cinque gol nel Clasico nello stesso stadio, allora... è vero, ogni partita fa storia a sé, però questo paragone fa capire che la squadra di Spalletti non ha affatto sfigurato: non perdere a Barcellona è quasi una missione impossibile.

Ora che le squadre si affronteranno nel palcoscenico di San Siro cosa può cambiare? Tutto. Il fatto di giocare in casa non fa partire l'Inter con i favori dei pronostici, ma può aiutarla considerevolmente. Si va verso il sold out in vista di martedì e un Meazza stracolmo è in grado di dimostrarsi il dodicesimo uomo in campo. E' già successo più di una volta, basti pensare a Inter-Tottenham o al derby col Milan: in entrambi i casi i gol vittoria sono arrivati nei minuti di recupero in un clima di euforia generale. I tifosi vanno allo stadio perché ci credono, e fanno bene. 9 vittorie nelle ultime 10 tra campionato e Champions, e l'en plein è sfumato proprio per la sconfitta in Spagna. Un Mauro Icardi sempre più leader e in formato bomber dei bomber non smette di segnare e di far sognare i propri tifosi. Spalletti è riuscito nell'impresa di rivitalizzare per intero la rosa e di eliminare le disattenzioni difensive (ora i nerazzurri vantano della miglior difesa tra i massimi campionati in Europa, a pari merito con l'Atletico Madrid, con appena 6 reti subite). Ora c'è consapevolezza di essere forti, di potersela giocare con chiunque.

Dopo la sconfitta casalinga col Parma, a metà settembre, nemmeno il più ottimista dei tifosi interisti avrebbe potuto immaginarsi un'Inter seconda in Serie A a braccetto con il Napoli, né tanto meno un'Inter con tutte le carte in regola per realizzare il sogno del passaggio del turno in Champions League partendo dalla quarta fascia. Eppure questo è... riflettori puntati su Inter-Barcellona, parola d'ordine: crederci.

SS Lazio v FC Internazionale - Serie A
La fonte dell'articolo è l'autore Stefano Masini

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.