Inter-Juve 1-1: l’Inter rialza la cresta

I nerazzurri pareggiano nel big match contro i bianconeri. Reti di Nainggolan e Cristiano Ronaldo. Analisi e riflessioni post-partita

di Giuseppe Colicchia
Giuseppe Colicchia
(57 articoli pubblicati)
FC Internazionale v Juventus - Serie A

Inter e Juve è derby d’Italia, è storia del calcio italiano. Il fatto che la Juventus avesse già vinto il campionato, non poteva far passare in secondo piano questo big match della trentaquattresima giornata di Serie A. Il risultato finale è di 1 a 1 con due grandissimi gol, prima Nainggolan e poi Cristiano Ronaldo

ANALISI
L’Inter inizia bene la gara, prova a creare problemi alla difesa juventina con verticalizzazioni e azioni sviluppate sugli esterni. Al 7’ segna il numero 14 nerazzurro, Radja Nainggolan. Il belga realizza un gol da cineteca: sugli sviluppi di un corner, Politano gira la palla alta per il Ninja che non ci pensa due volte e lascia partire una botta da fuori area al volo, Szczesny un po’ colpevole tocca ma non riesce a parare. I nerazzurri non mollano e hanno altre importanti occasioni di raddoppio con Icardi (2 volte) e De Vrij. Il pressing portato dai ragazzi di Spalletti sul primo possesso palla avversario permetteva ai nerazzurri di riconquistare palla in una zona offensiva (o comunque dopo la metà campo). Anche la Juve ha provato a organizzare un pressing per le ripartenze dal basso dell’Inter, tuttavia i palleggiatori meneghini sono stati bravissimi ad eluderlo con passaggi precisi nello stretto oppure, quando proprio gli spazi non c’erano, riuscivano a trovare le sponde aeree di Perisic e Icardi con lanci lunghi a scavalcare la linea avversaria. Nel secondo tempo inizia il graduale miglioramento della prestazione degli uomini di Allegri. Al 60’ arriva la prima grande occasione da gol con CR7 trovato in area, il suo tiro è però ribattuto. Sono prove tecniche per il fuoriclasse portoghese che pochi secondi dopo trova il gol del pareggio: Ronaldo triangola con Pjanic che restituisce il pallone al numero 7 con il tacco, Ronaldo fa partire un potente tiro rasoterra col mancino che va ad insaccarsi nell'angolino basso alla destra di Handanovic. Al 70’ Perisic ha una grande occasione di riportare i suoi in vantaggio ma, dopo uno scambio in area con Icardi, si fa ipnotizzare da Szczesny. Nel finale i bianconeri cercano di beffare i nerazzurri e per poco non riescono nel loro intento, prima con la conclusione di Pjanic e poi con il rimpallo sul petto del neo entrato ed esordiente Pereira. 

I MIGLIORI E I PEGGIORI
7+7=14. La matematica ci aiuta a identificare i due migliori in campo che coincidono con i due marcatori. Ronaldo è il fuoriclasse della Serie A, eppure nel primo tempo le difficoltà della Juve hanno coinvolto anche lui. Poi però c’era da incidere sulla partita e nessuno dei 22 in campo poteva pensare di poter competere con lui per questo aspetto. Il numero 14 nerazzurro è l’altro migliore in campo, ovvero Nainggolan. Il belga, il quale ha da sempre manifestato il suo sentimento di anti-juventinità, al 7' ha fatto partire un missile da fuori area, con tutta la sua forza, incrementata magari da quel senso di rivalità accesa contro gli avversari. Ma tutta la sua partita è stata di livello con continui strappi a centrocampo, forza e muscoli. Gli esterni nerazzurri, Perisic e Politano, sono stati protagonisti entrambi di una buona partita, in primis il croato. Qualcosa adesso comincia ad essere chiaroCome mai quei rigori battuti da lui nonostante la presenza in campo di Icardi? Come mai il suo impiego per tutta la stagione non è quasi mai stato messo in discussione da Spalletti? No, non è soltanto per la stima del mister o per l’importanza per la squadra dei suoi rientri in difesa. Perisic gioca bene perché segna, non il contrario. Troppo sottotono era stata la sua stagione finora, ma sembra proprio che gli mancassero i gol per ritrovare quella continuità nelle prestazioni. Molto bene anche D’Ambrosio che vince a sorpresa la sfida a distanza col suo ex compagno Cancelo. Vecino trova spesso delle buone posizioni in campo ma è impreciso e troppo frettoloso. Colpevoli nell'occasione del gol di Ronaldo, Brozovic e Skriniar per non aver accorciato su di lui.

FC Internazionale v Juventus - Serie A
Fonte: l'autore Giuseppe Colicchia

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.