Il derby è giallorosso, c’è un nuovo equilibrio in campionato

I Giallorossi, capaci di fiutare il momento giusto, delineano il risultato nei primi minuti del secondo tempo. La Lazio si arrende alle individualità della Roma

di Luca F
Luca F
(47 articoli pubblicati)
AS Roma v SS Lazio - Serie A

Nel catino Olimpico del foro Italico, si respira nuovamente l'atmosfera del gran calcio Romano, due squadre desiderose di esaltare la propria identità, si sfidano davanti ad un ritrovato pubblico: più di 55.000 spettatori a far da cornice ad un derby forse prematuro nel calendario, e proprio per questo impronosticabile ed arduo. 

Tante pressioni nell'ambiente romanista; dopo due scontri diretti persi in casa (contro Inter e Napoli) il derby è l'occasione giusta per trovare morale, ma è quasi l'ultima opportunità per non staccarsi troppo da chi sembra non sbagliarne una. In casa Lazio invece, una possibilità valida per delineare i tratti della propria identità e dei proprii limiti. 

Non tardano ad arrivare le emozioni: già al secondo minuto Immobile trova il gol dell'uno a zero sorprendendo la linea difensiva della Roma, ma reo di essere partito in fuorigioco, la sua gioia viene interrotta dalla bandierina del guardalinee che alza il braccio solo nel momento in cui la palla varca la linea, per permettere l'ausilio del Var. Il rischio corso smuove la Roma; per l'Urbe (così chiamati i giallorossi nella seconda coreografia della curva Sud) qualche buona occasione capita a Dzeko, lodevoli gli interventi di Strakosha, per la Lazio Immobile tenta il colpo di testa al 27' mandando il pallone sopra la traversa.

È nel secondo tempo però che accade tutto. La Roma scende in campo con spirito aggressivo e tra il 49' ed il 53' riesce quasi nel tentativo di  chiudere il match, scoprendo piacevolmente un Bastos in difficoltà sulla fascia sinistra. Proprio lì, dove l'aitante ed erculeo Kolarov, giocatore a cui lo speaker dell'Olimpico dedica un momento a parte nella lettura delle formazioni, non perde occasione per destreggiarsi al confine dei 16 metri, prima d'essere atterrato in scivolata proprio da Bastos; un intervento impulsivo ed imprudente che concede fiato da fischietto a Rocchi: è calcio di rigore, realizzato con grande perizia dallo specialista Perotti. 
Su indicazioni di Di Francesco la Roma fiuta che il momento giusto per attaccare non è ancora arrivato, e stringe la Lazio in un asfissiante pressing nella trequarti. I protagonisti non cambiano: Perotti sorprende Bastos recuperando un pallone con personalità e voglia, per poi trovare libero nella distesa verde Radja Nainggolan, che con tiro veloce trafigge Strakosha. È corsa sotto la Sud. Sono bastati 5 minuti alla Roma per ipotecare la partita, troppo poco considerando il valore dell'avversario, ma tempo giusto giudicando come è sceso in campo ed alla luce di  qualche errore fatale.

La Lazio ha lasciato spazi alla Roma, è mancato legame e spirito d'intento a tutta la squadra. Nonostante più di qualche giocatore abbia fatto il proprio dovere, non è stato abbastanza in questo derby dove la differenza l'hanno fatta i singoli, e in questo settore la Lazio non può che tirarsi indietro cedendo spazio prima di tutto a Nainggolan, specialista nel recuperare i palloni. Sembra quasi in "torello" continuo il centrocampista, peccato che al centro del cerchio sia abituato a restarci per poco. Tanti spazi per i giallorossi, un invito a nozze per una squadra che ha fatto della velocità il suo segno particolare, schierando in campo i suoi uomini migliori quasi a marcare quella differenza che non può ancora essere colmata. Nonostante ciò la Lazio rimane in partita. 

È un'altra leggerezza a cambiare il parziale, il fallo di Manolas in area, che con il braccio prende in pieno il pallone; il rigore realizzato da Immobile dà morale alla Lazio, ma sorprendere i giallorossi è difficile e nonostante qualche buona occasione come il tentativo di Parolo al 40', la Lazio non trova la rete del pareggio disperatamente cercata nel finale. Come spesso accade la Roma stringendo i denti riesce a salvarsi, proponendo anche una linea difensiva a cinque, provando a temporeggiare. Tanto basta per vincere la stracittadina, tanto basta per abbozzare un nuovo equilibrio in campionato.

AS Roma v SS Lazio - Serie A
Fonte: l'autore Luca F

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.