Higuain gioca ancora per la Juventus, Milan sconfitta inevitabile

Senza nemmeno troppo forzare i bianconeri, che han lasciato fuori Bonucci per scelta tecnica, rimangono a +6 sul Napoli unica rivale seria rimasta

di Alan paul Panassiti
Alan paul Panassiti
(338 articoli pubblicati)
higuain espulso

Continua senza troppi patemi il monologo juventino in questa stagione di Serie A. Frantumando ogni record  i bianconeri hanno raccolto  a San Siro, contro un Milan lontano anni luce dalla formazione che dominava in Italia e in Europa, l'undicesima vittoria stagionale che fa salire a quota 34  il bottino di punti della capolista.

Il ritmo della squadra di Allegri è ormai insostenibile per tutti, tranne che per il Napoli, vittorioso a Genova per 2-1 contro la sciagurata formazione di Juric (unica squadra a bloccare la Juventus fino ad ora).

L'Inter, dopo gli sfottò dei suoi tifosi dopo la beffa di Mourinho all'Allianz, è infatti stata umiliata senza ritegno a Bergamo contro una Atalanta  che Gasperini guida da  anni ad altissimo livello. Prima di pensare alle sconfitte degli altri, i nerazzurri dovrebbero guardare in casa propria sia dal punto di visto tecnico che dal punto di vista dei tifosi.

La partita di ieri sera a San Siro è stata ben controllata da una Juventus non troppo brillante, con ritmi compassati, ma con un atteggiamento più che positivo dopo la delusione beffarda contro il Manchester.

Va detto che raramente in questi ultimi anni la Juventus  ha sbagliato due gare di seguito e la partita con i rossoneri di ieri sera conferma questo trend: il gap tra le due formazione è stato evidente. Solo una certa sufficienza dei bianconeri ha rischiato di rimettere in partita i padroni di casa, perché, come al solito, per larghi tratti  è mancato il colpo del Ko.

E si è rischiata anche la beffa, sotto forma del calcio di rigore sprecato da Higuain e parato dal portiere Wojciech Szczęsny, a lungo criticato per le sue incertezze letali contro gli inglesi in  Champions League: il calcio è uno sport meraviglioso, dà e toglie in pochissimo. Il numero 1 della formazione di Massimiliano Allegri, che ha dovuto prendere la pesantissima eredità di Gianluigi Buffon (che definire Totem è dire poco visto il valore e i successi del Campione del Mondo del 2006), non è parso sicurissimo nelle gare precedenti e i tifosi bianconeri lo hanno criticato aspramente chiedendo la promozione a titolare di Perin. Ma ieri sera si è ampiamente riscattato parando il tiro dal dischetto del grande ex .

E proprio il Pipita, applaudito dai tifosi bianconeri prima della gara, è stato l'eroe negativo dei rossoneri: con la voglia di spaccare il mondo che aveva (voleva rimanere alla Juve non ne ha fatto mistero) ha combattuto con la solita grinta ma ha sprecato il rigore e da quel momento in poi la sua luce si è spenta. E' andato completamente fuori di testa nel finale facendosi espellere da Mazzoleni, completando la sua serata nera.

Ci spiace molto per il campione argentino, esempio di professionalità e impegno, ma probabilmente questa follia gli costerà diverse giornate di squalifica: il rosso a risultato compromesso è diventato danno enorme per il Milan, oltreché beffa.

Nella Juventus note altamente positive dall'eccellente Alex Sandro, in questo momento superiore anche al Marcelo del Real Madrid: un giocatore completamente ritrovato e capace di cross straordinari che hanno creato  lo scompiglio negli avversari come sempre.   Dal piede molto educato del brasiliano è arrivato il goal di super Mario Mandzukic che ha incalanato la partita a favore dei bianconeri.

E se Dybala  (che però ha centrato un palo clamoroso su punizione) è apparso in ombra, è stato il solito immenso Cristiano  Ronaldo a chiudere la partita segnando il suo primo goal su azione in carriera a San Siro (non è mai troppo tardi). 

Unica nota stonata, lo scontento di Bonucci, lasciato fuori per scelta tecnica da Allegri, rilanciando l'ottimo Benatia (anche lui superbo): la paura dei fischi e anche le incertezze delle ultime gare hanno portato a questa scelta del tecnico livornese.

Ma questa è un'altra storia.

Juventus v SSC Napoli - Serie A
Fonte: l'autore Alan paul Panassiti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.