Goa o autogol: questo è il dilemma

Analisi e commento delle sottili scelte sui tabelloni di questa giornata

di Gianmarco Puglisi
Gianmarco Puglisi
(24 articoli pubblicati)
Empoli v AC Milan - Serie A

Nell’era de “Gli Autogol”, idoli dei ragazzini su Youtube grazie alle loro buffe imitazioni di calciatori e uomini di calcio, la Lega Serie A si adatta e continua persistentemente a assegnare autogoal su autogoal. Gli youtuber hanno da poco compiuto dieci anni sulla piattaforma e in molti non hanno esitato a fargli auguri e complimenti sui social: da Padoin a Sturaro, Romulo e persino Diletta Leotta. Forse è stato un tributo a loro quindi trasformare tre gol in auto questa giornata.

Il primo martedì sera trova protagonisti Chiesa e Skriniar, con il primo che scaglia un potente tiro da fuori e lo slovacco che devia in rete. Pochi dubbi in questo caso, anche se la palla era diretta verso la porta Skriniar mette fuori gioco Handanovic.

Sul secondo e sul terzo ci sono un po’ più di perplessità. Dopo la magnifica rovesciata di Nuytinck che tutti hanno potuto ammirare alla Dacia Arena, c’è stato un tocco non troppo netto di testa di un giocatore laziale, anche qui assegnato l’autogoal a Badelj. Ieri sera invece c’è stato un altro episodio in Empoli-Milan: Lucas Biglia tira dalla distanza e batte Terraciano con una leggera deviazione che accentra la traiettoria, difficile capire se la palla sarebbe entrata o uscita senza l’ausilio di Capezzi. Per quanto riguarda l’Udinese il tiro era molto lento e quindi non si può dire che la minima deviazione sia stata decisiva. In casi così dubbi forse sarebbe meglio premiare i gesti tecnici dei goleador, invece che sminuirli trovando una “scusante”. L’ha detto lo stesso Bram Nuytinck, difensore bianconero, nell’intervista post  partita: “È il gol più bello che io abbia mai fatto”. Un autogol sul tabellino, un euro-goal nei cuori dei tifosi friulani.

“Essere o non essere?”, non è l’unico dilemma in questo periodo. “Gol o autogol?”, si chiede la Lega. Prossima volta rifletteteci un po’ di più: i colpi di genio dei giocatori sono rari e vanno preservati: anche questo fattore è importante per rivalutare il movimento calcistico italiano. Anni fa un goal di Maradona o di Zico con deviazione non sarebbe mai passato per un autogoal… 

Fonte: l'autore Gianmarco Puglisi

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.