Pinilla, l’ultimo dei romantici nel calcio

Prendere una traversa al 120°, secondo tempo supplementare, agli ottavi in un mondiale: limite sottile tra gloria e fallimento

di Pablo Malevi
Pablo Malevi
(3 articoli pubblicati)
Pinilla lultimo dei romantici

Come prendere una traversa al 120°, secondo tempo supplementare, agli ottavi in un mondiale. Limite sottile tra gloria e fallimento.

Pinilla è un eroe tragico. Come Achille.

Iliade

Achille che durante l’assedio di Troia, e già prima di partire, già sa qual è il destino che lo attende: la morte. Lo sa. A metterlo in guardia fu la madre. L’eroe sa che quel destino che gli grava addosso pesante dovrà compiersi, ma non si tira indietro, prende lo scudo e le armi e gli va incontro scendendo in battaglia, pur sapendo che proprio quella battaglia sarà l’ultima. E brilla più di tutti mentre lotta contro tutto e tutti. Lotta una battaglia vana, dal destino scritto, contro il fato, sapendo già l’esito, negativo, ma lotta, come un leone, sputa, brillano i nervi, urla contro gli dei, più forte degli dei, più bello degli dei.

Mοίρα (Destino)

Pinilla è l’eroe dal destino tragico, l’eroe che ovunque vada pare segnato da un destino maledetto. Sempre a un passo dalla gloria, a un centimetro o poco più, poco meno, e mentre allunga la mano per afferrare la sua corona, un dio lo spintona indietro e gli nasconde lo scettro. Un eterno incompiuto. Eroe dalle mille cadute, dal destino avverso, che comunque si rialza sempre, poi, per sfidare ancora e ancora gli dei, e perdere, sempre, nuovamente, che importa? Una lotta vana, ma bellissima.

Inchiostro e cicatrici

E ogni sconfitta, caduta, diviene un vessillo da mostrare, un tatuaggio, una sfida persa ma di cui andare orgogliosi più di mille vittorie. Quanti hanno l’ardire di sfidare gli dei? Un orgoglio da portare appresso sotto forma di inchiostro sulla pelle e ricordarlo e fissarlo sulla memoria.

Esule senza porto

Pinilla è un pirata senza bandiera e senza patria. Sempre in fuga, sempre in lotta. Sempre alla ricerca di una nuova battaglia da combattere. Sempre e comunque gravata dal destino. Ma è l’eroe solo che combatte solo. Si prende sulle spalle l’intera squadra, l’intero esercito, da tutto per la maglia, ma è solo. Prende in prestito una battaglia, una guerra non sua, una parte. E da tutto. Pinilla quando gioca da tutto, non per la maglia che indossa, ma per mandare un messaggio agli dei avversi, dir loro che c’è ancora, in piedi, urlarlo. E ogni corsa sotto la curva, dopo un goal, non è un esultanza per la squadra, o non solo, ma qualcosa in più.

Ogni urlo è un rinnovare una sfida al destino.

Fonte: l'autore Pablo Malevi

DI' LA TUA

1
1 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. sick.boy_1_176 - 5 mesi

    Bravo. Hai centrato il personaggio-eroe di Pinilla. Un eroe antico, errante, che combatte guerre non sue.
    E quando ritorna in patria gli dei lo scherniscono, rispedendolo al suo destino di vagabondo buono

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.