Le 9 cose che non sai sulla storia dell’Atalanta Bergamasca Calcio

Nove curiosità che pochi conoscono in 110 anni di storia atalantina. Inediti, decisioni affrettate e molto altro ancora

di Filippo davide Di santo
Filippo davide Di santo
(118 articoli pubblicati)
Tifosi Atalanta

Da 110 anni, la storia dell’Atalanta è sempre stata caratterizzata da tutta una serie di fattori e contesti: risultati, piazzamenti, acquisti, cessioni (dolorose o meno), promozioni, retrocessioni e chi ne ha più ne metta. Storia che ogni anno viene sempre riscritta: sia in positivo che in negativo. Pare molto un aspetto dato per scontato, ma attorno la Dea vi sono delle curiosità poco conosciute o altre addirittura finite sotto un quintale di polvere. Ecco le 9 curiosità che molti non sanno (o ricordano poco) sulla storia della società orobica.

1- L’OMBRA DI DOMENICO - Qualcuno si ricorda di Morfeo? Beh, praticamente tutti i tifosi atalantini: il piccolo fenomeno fantasista uscito dal vivaio nerazzurro protagonista della stagione 1996-1997 con Lentini e Inzaghi. Ok, ma chi si ricorda di Mario Morfeo? Già, in quella stagione giocava anche il fratello di Domenico, ma l’esito fu diverso. Quando cresci all’ombra di un fratello campione il rischio è di non trovare una collocazione adeguata. Mario, di ruolo centrocampista di qualità, con il baricentro basso e il passo svelto, cresce nel vivaio di Zingonia sognando di diventare come il fratello. Ma dopo aver conquistato l’esordio in Serie A, capisce che la sua dimensione è un’altra e si costruisce una dignitosa carriera in Serie C.

2- GRANDI QUATTRO VOLTE SU CINQUE CONTRO GLI “INVINCIBILI”- Il Grande Torino: la squadra italiana più forte di tutti i tempi, vincitrice
di cinque scudetti consecutivi scomparsa il 4 maggio 1949 a Superga. I granata erano praticamente invincibili, ma era contro la Dea che gli “invincibili”
soffrivano. L’Atalanta sulle cinque partite disputate a Bergamo contro il Grande Torino ne vinse quattro su cinque. La prima nella stagione 1942-1943 per 1-0 (Cassani), la seconda sempre per 1-0 (Del Medico), l’anno dopo sconfitta per 0-3, ma è nel ’48 che i nerazzurri vincono ancora (Salvi); mentre nel 1949 i nerazzurri rifilano tre reti vincendo per 3-2 (doppietta Miglilli e gol di Mari).

3- QUANDO ERI DA UN PASSO DAL POLPO – Verso novembre del 2013 il direttore atalantino di allora Pier Paolo Marino dichiarò apertamente che con la Juventus si stava valutando di prendere Pogba, addirittura i nerazzurri avevano la possibilità di scegliere tra lui e Troisi, ma gli orobici decisero di prendere l’australiano.

4- IL PROGETTO DI IVAN RUGGERI – Negli ultimi anni di presidenza Ruggeri, il presidente Ivan presentò il progetto di ristrutturazione dello stadio (con tanto di tribune coperte), ma non se ne fece nulla per via del malore che colpì lo storico presidente atalantino.

5- DEA NEL DESTINO – Nella stagione 2008/2009 le squadre che retrocedettero (Torino, Lecce, Reggina) segnarono contro l’Atalanta con giocatori che l’anno dopo avrebbero vestito la maglia nerazzurra: Amoruso, Caserta, Tiribocchi e Ceravolo.

6- IL 6 E IL 7 PORTANO FORTUNA – Dall’annata 66-67, tutte le annate con cifra finale 6-7 portano sempre qualcosa di buono alla Dea:

66-67: l’Atalanta diventa società per azioni.

76-77: lo spareggio di Genova per la A.

86-87: finale di Coppa Italia con qualificazione per la Coppa delle Coppe.

96-97: l’anno di Lentini-Morfeo-Inzaghi.

2006-2007: record di punti (50).

2016-2017: quarto posto e ritorno in Europa League.

7- PRIMA DEL CALCIO – L’Atalanta, prima di debuttare nel mondo del pallone, esordì come società sportiva nelle olimpiadi nei suoi primi anni di fondazione. La prima stagione ufficiale comincia nel 1914-1915.

8- PAULO AL POSTO DI ANGELO - Nella stagione 2009-2010 Paulo Sosa era vicino all’Atalanta, ma per una serie di motivi venne preferito Angelo Gregucci.

9- IL RIFIUTO DI JAMES - Nel 2007 James Rodríguez era vicino alla Dea.

Fonte: l'autore Filippo davide Di santo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.