La Juve passa, l’Atalanta reclama: rigore (dubbio) fatale, bianconeri in finale di Tim Cup

Finisce 1-0 all'Allianz Stadium tra Juventus e Atalanta: bianconeri in finale, nerazzurri beffati da un rigore molto dubbio. Gasperini:

di Filippo davide Di santo
Filippo davide Di santo
(79 articoli pubblicati)
semifinale di ritorno coppa italia juven

Sotto la leggera nevicata di Torino, tra giocate, pali, occasioni, ed episodi arbitrali molto dubbi, la Juventus batte l’Atalanta per 1-0, portandosi a casa la sua quarta finale di Coppa Italia consecutiva. Dall’altra parte però un’Atalanta che esce a testa alta, vedendosi svanire i suoi sogni di coppa tra occasioni mancate ed alcune decisioni arbitrali molto dubbi.

GIOCATA ALLA PARI: Quella che doveva sembrare una partita scontata sia dal punto di vista del risultato e del gioco, invece si dimostra tutto il contrario, le due squadre giocano alla pari senza paura sfruttando i loro punti di forza: la Juventus sfrutta le azioni di contropiede giocando molto sulla sinistra con le corse di Douglas Costa, ma non presenta solidità a centrocampo e sulle fasce, mentre l’Atalanta fa delle fasce e del centrocampo il suo punto di forza pressando i giocatori bianconeri, peccando solo in fase realizzativa. Per quanto riguarda invece la fase difensiva: Chiellini ed Alex Sandro difendono bene gli attacchi di Ilicic, dall’altra Masiello tiene a bada Mandzukic e Mancini ha quasi sempre la meglio su Asamoah. Al 3’ prima occasione atalantina: tiro pericoloso di Gomez, alto sopra la traversa. Orobici ancora pericolosi al 13’: traversone pericoloso dalla destra di Ilicic, Gomez tocca e Buffon blocca a terra. Un minuto dopo l’Atalanta reclama un’espulsione di Chiellini per un suo durissimo fallo ai danni di Caldara: il giocatore bianconero viene solo ammonito (decisione dubbia). Nerazzurri grintosi, ma non abbastanza pericolosi per trafiggere la porta di Buffon. Per poter vedere la Juventus creare qualche occasione bisogna aspettare al 35’ dove Mandzukic si libera in area e tira una conclusione, ma calcia direttamente su Berisha. Ben più pericolosa la “Vecchia Signora” al 37’ con un mancino a fil di palo di Asamoah: il pallone finisce sull’esterno della rete dando l’illusione del gol. Verso la fine del primo tempo è la Juventus a reclamare un calcio di rigore per un tocco con la mano di Masiello (deviazione abbastanza evidente). 

OCCASIONI MANCATE ED EPISODI DECISIVI: nel secondo tempo la partita sembra essere il ritratto del primo: l’Atalanta attacca, la Juventus ribatte colpo su colpo. Al 49’ bianconeri in avanti: buona combinazione tra Marchisio, Douglas Costa e Mandzukic, conclusione del “principino” bianconero, e parata di Berisha. Al 64’ Gasperini di far entrare Cornelius al posto di Ilicic per avere un punto di riferimento in attacco, e basta un minuto che l’Atalanta ha la grande occasione per portarsi in vantaggio: grave errore di Benatia in fase di disimpegno, Gomez arriva a tu per tu con Buffon sulla trequarti. La conclusione del “Papu” scavalca Buffon dalla lunga distanza, ma la palla arriva sul palo. Reazione bianconera un minuto dopo con Douglas Costa che colpisce la traversa con un tiro da fuori area. Al 68’ primo cambio nelle file bianconere: fuori Marchisio, dentro Khedira. Al 74' l’episodio discusso che spezza le gambe all’Atalanta: cross di Lichtsteiner dalla destra, Mancini trattiene Matuidi, il francese si lascia cadere, ma per l’arbitro Fabbri è calcio di rigore tra le proteste nerazzurre. Batte Pjanic, e la palla va in rete: Juventus-Atalanta 1-0. A dieci minuti dalla fine gli ultimi cambi della partita: nella Juventus dentro Dybala e Barzagli per Douglas Costa e Alex Sandro, nell’Atalanta dentro Rizzo e Barrow per Mancini e Freuler. Dopo quattro minuti di recupero l’arbitro decide che può bastare: Juventus-Atalanta 1-0. Bianconeri in finale, nerazzurri fuori con tanta rabbia e rammarico tra il palo di Gomez e il contestatissimo calcio di rigore dato alla Juventus. Atalanta che esce comunque a testa alta dall’Allianz Stadium, pronta a giocarsi l’Europa in campionato.

JUVENTUS (4-3-3): Buffon; Lichtsteiner, Benatia, Chiellini, Asamoah; Marchisio, Pjanic, Matuidi; Douglas Costa, Mandzukic, Alex Sandro.

ATALANTA  (3-4-1-2): Berisha; Mancini, Caldara, Masiello; Hateboer, De Roon, Freuler, Spinazzola; Cristante; Ilicic, Gomez.

Fonte: l'autore Filippo davide Di santo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.