La Dea non è moda: se non la ami quando perde, non amarla quando vince

Insultati Gasperini e Papu Gomez durante la partita Atalanta Chiasso da un "tifoso": uno dei tanti episodi causati da chi considera l'Atalanta come una moda.

di Filippo davide Di santo
Filippo davide Di santo
(119 articoli pubblicati)
Dea

Si doveva parlare di tutt'altro: Festa della Dea, il possibile arrivo di Pasalic e ciò che è stato riscontrato, sotto profilo tecnico-tattico, dall'amichevole tra Atalanta e Chiasso. E invece siamo qui a parlare di un argomento, anzi, più che argomento si tratta di un vero e proprio virus che da quando la Dea vola in campionato ha colpito il tifo nerazzurro. Ieri ad Atalanta-Chiasso (con la squadra vincitrice per 6-1), un "tifoso" che, chissà per quali misteriosi motivi, ha passato la gran parte del tempo ad insultare Gasperini e Gomez: quest'ultimo per aver sbagliato un gol già fatto. Ovviamente le indignazioni non sono passate inosservate al mister di Grugliasco che non le ha mandate a dire a fine gara al diretto interessato. Purtroppo non è la prima volta che accadono episodi del genere da parte di gente che, molto probabilmente, non ama l'Atalanta quanto crede: e che invece che incitare la squadra, si mette a contestare senza un'apparente motivo.

IN TANTI QUANDO SI VINCE, I VERI SOLO QUANDO SI PERDE - Da quando l'Atalanta ha cominciato a vincere, il pubblico ha cominciato ad aumentare allo stadio, ma buona parte di chi si è avvicinato alla Dea negli ultimi anni sono occasionali. In poche parole: coloro che nel momento in cui le cose vanno bene si presentano allo stadio senza sapere neanche un quarto della squadra per cui sta "sostenendo", e che nei momenti di difficoltà comincia a mugugnare, insultare e (peggio ancora) ad abbandonare lo stadio a dieci minuti dalla fine. Purtroppo anche nel tifo nerazzurro si sono verificati questi casi: persone che si abbonano per poi non andare più allo stadio quando le cose si fanno difficili. Casi che non sono passati inosservati dalla maggior parte del pubblico atalantino, che ha continuato ad isolarli dal tifo vero, invitando i non-tifosi a stare a casa. Già, ma non solo allo stadio, purtroppo. Perché il tifoso occasionale medio insulta anche attraverso un mezzo assai noto: Internet e i Social Network. Quante volte è capitato, nei momenti di difficoltà, di vedere post su post dove vi erano presenti insulti nei confronti della squadra? Tante volte, ma per fortuna i tifosi atalantini, quelli veri, sono tantissimi e il loro entusiasmo è più forte rispetto ai mugugni degli occasionali. L'episodio di ieri, e la reazione da parte del tifo, ha dato un messaggio chiaro: chi considera l'Atalanta come una moda e la segue solo quando vince si faccia da parte, perché la squadra non ha bisogno di occasionali che non sono nulla in confronto ad un popolo che seguirebbe la squadra anche se fosse nei dilettanti; lo si è visto in 110 anni di storia perché per il tifoso atalantino la fede viene prima del risultato! Sempre!

ATALANTA-CHIASSO: L'ANDAMENTO DELLA GARA - Nella terza uscita amichevole della stagione 2018-2019 a Clusone l'Atalanta supera 6-1 gli svizzeri del Chiasso. Partono forte gli ospiti che trovano il gol alla prima azione dopo pochi secondi dal fischio di inizio con Malinowski. Pronta però la reazione nerazzurra che arriva più volte vicina al pareggio con il tridente (da segnalare una traversa di Iličić al 18'), ma anche con gli inserimenti dei due esterni, Castagne e Gosens. L'1-1 arriva comunque al 21' con una conclusione precisa del Papu Gomez. E sempre il capitano completa rimonta e sorpasso al 35' con un'altra conclusione nell'angolino. Al 39' arriva anche il 3-1 con un colpo di testa di Mancini, ben servito direttamente da calcio d'angolo dal Papu. Nella ripresa esordio in nerazzurro di Zapata che gioca gli ultimi 25 minuti. Al 27' arriva anche il quarto gol con Hateboer. Quindi al 35' il primo gol nerazzurro di Zapata, ben servito da Hateboer. Nel finale de Roon, deviando una punizione di Iličić, chiude i conti sul 6-1.

DOMANI DOPPIA SEDUTA - La squadra tornerà al lavoro domani con una doppia seduta al Marinoni di Rovetta: mattina a porte chiuse, al pomeriggio alle 17 a porte aperte.

6-1
Fonte: l'autore Filippo davide Di santo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.