Bidoni senza gol: i 5 centravanti flop presi dall’Atalanta in estate

La flop 5 dei centroavanti più deludenti della storia dell'Atalanta: da Gianni Comandini a Valeciano

di Filippo davide Di santo
Filippo davide Di santo
(100 articoli pubblicati)
Flop attaccanti Dea

Il centroavanti: l'acquisto che stuzzica l'appetito dei tifosi. Più è grande il nome (o il costo del cartellino) più i tifosi tendono a sognare. Il fattore centroavanti è ancora un capitolo aperto in casa Atalanta e con l'acquisto di Tumminello si spera di aver trovato il bomber giusto. In quasi 111 anni di storia atalantina ne sono passati di centroavanti: partendo dai "bidoni" fino ad arrivare a quelli promettenti. In questo articolo verrà proposta una  top 5, anzi, una "flop 5" dei centroavanti comprati dalla Dea in estate.

1- GIANNI COMANDINI: MISTER 30 MILIARDI - L'acquisto più costoso della storia dell'Atalanta: 30 miliardi al Milan per il cartellino, più altri 15 lordi d'ingaggio per cinque anni. Di fatto è il grande flop della storia nerazzurra. Arriva nell'estate del 2001 come l'attaccante con il quale puntare all'Europa, invece segna appena sette goal in quattro stagioni, anche a causa di qualche infortunio di troppo. Bravo sul piano tattico, ma è penalizzato dalla mancanza di sacrificio. Pian piano perde la voglia di giocare a calcio, al punto da ritirarsi non ancora trentenne. Oggi fa il deejay nel suo locale a Cesenatico.

2- ROBERT ACQUAFRESCA: LA FOTOCOPIA DI GIANNI - La fotocopia di Comandini. Acquistato nell'estate del 2009, doveva diventare l'erede di Sergio Floccari. Invece è un autentico flop. Nonostante a Cagliari si sia dimostrato un centroavanti freddo sottoporta, a Bergamo non segna neanche a porta vuota: come è successo a Siena. Colleziona solo dodici presenze con un goal all'attivo (su calcio di rigore). E' stato uno dei giocatori più contestati dell'annata 2009/2010: terminata con una retrocessione. A gennaio lascia la Dea per andare a Genova: sponda rossoblu.   

3- LUCA SAUDATI: LA PROMESSA INCOMPIUTA - Per tutti gli allenatori che ha avuto a Bergamo dopo una settimana è l'attaccante potenzialmente più forti del gruppo, abilissimo nei tagli e nei movimenti, bravo a proteggere la palla e a giocarla. Dopo un mese, per gli stessi allenatori, è un campione mancato sul quale inutile insistere. E in effetti il ragazzo è un introverso e non riesce e non riesce a legare con l'ambiente nel quale gioca. Unica eccezione Empoli, l'unico posto dove gioca da calciatore vero. Arrivato con Comandini nell'anno dei sogni infranti, fa un po' meglio, ma non abbastanza per ambientarsi. Dopo i primi anni diventa quasi un bersaglio per i tifosi, ma non se ne cura.

4- FACUNDO PARRA: "IL VICE-DENIS" - Arrivato con la mongolfiera nel 2012 alla festa della Dea manco fosse Cristiano Ronaldo, si dimostra un autentico bidone. Preso dall'Independiente come vice Denis, gioca 14 partite senza segnare una rete, ma sbagliandone molte. Da tener conto due reti segnate in Coppa Italia contro il Cesena (tra cui uno di tacco). Sempre criticato dalla stampa per la sua forma fisica, dopo il 2013 torna in Argentina.

5- IVAN VALECIANO: IL CICCIOBELLO DELL'ERA LIPPI - Preso nell'estate del 1992 al posto di Asprilla, viene chiamato "Cicciobello": è tozzo e paffutello, non sembra neanche un calciatore. E sul campo l'unico colombiano della storia nerazzurra fa poco per dimostrarsi tale. Ha un bel tiro, e anche potenza, ma la velocità nel calcio italiano diventa improponibile per lui che, oltretutto, fatica ad ambientarsi. Così si aggrappa ai suoi riti (gioca con dei santini messi dentro i calzettoni). Niente di male, se facesse goal: invece ne realizza uno, in Coppa Italia al Venezia, e glielo annulla il giudice sportivo, decretando lo 0-2 a tavolino. Per il resto gioca pochissimo, anche se poi torna in Colombia e, nel suo campionato, segna caterve di goal.

Fonte: l'autore Filippo davide Di santo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.