Atalanta inarrestabile, 3-1 al Genoa e Ilicic in più

Un altro successo convincente per Gasperini contro un Genoa che si fa valere quando ormai è troppo tardi

di Marcello Lavetti
Marcello Lavetti
(83 articoli pubblicati)
Atalanta BC v Hellas Verona FC - Serie A

I duellanti. Dopo la vittoria sul Genoa ed il contemporaneo sacco di Bologna del Milan, è ormai chiaro che per il sesto posto sarà un duello tra la Dea ed il Diavolo. Lo scontro diretto alla penultima giornata si tramuterà così nel D-day europeo, e si giocherà nel fortino domestico dei nerazzurri, un vantaggio non da poco. 

Ahi Ballardini. La sfida col Genoa è vissuta su un primo tempo deluxe atalantino, in cui la superiorità tecnico-tattica dei nerazzurri è stata peraltro agevolata dalle sciagurate scelte iniziali di Ballardini, che parte con l'impresentabile Migliore sulla fascia sinistra regalando così un corridoio nel quale Castagne e persino Toloi banchettano a piacimento. L'occasione capitata a Medeiros agli albori della gara, è il classico fuoco di paglia dopo il quale parte l'arrembaggio dei padroni di casa, che dopo un quarto d'ora trovano il vantaggio grazie a Barrow, che prima svernicia Rossettini passandolo a velocità doppia e poi infila la palla tra le gambe di Perin. La gazzella orobica è un iradiddio che ha il solo demerito di specchiarsi un po' troppo nei propri virtuosismi, duettando con Gomez meno di quanto avrebbe potuto. In ogni caso manna dal cielo a confronto degli asfittici Petagna e Cornelius. Anche il Papu pare in buona vena, ed il raddoppio  arriva proprio su una sua bella assistenza . Clamorosa la dormita della retroguardia rossoblu, che lascia entrare in area Cristante con una facilità irrisoria, consentendo una comoda finalizzazione. Nono gol in campionato per l'ex rossonero, bottino importante con una quotazione di mercato in ulteriore ascesa. A salvare dal tracollo la baracca genoana c'è Perin, che toglie dall'angolo il potenziale colpo del ko di Barrow quando il primo tempo sta per finire.

I due maghi. È un altro Grifone quello che torna in campo nella ripresa, Pandev e Veloso sono di tutt'altra caratura rispetto a Bessa e Migliore e così la manovra genoana diventa improvvisamente fluida e le verticalizzazioni cominciano finalmente ad arrivare. Entra anche Pepito Rossi, che assieme a Lapadula riesce a creare grattacapi ai centrali difensivi nerazzurri. Caldara  si prende un giallo da cui nasce la punizione capolavoro di Veloso, un ammonizione che gli costerà una squalifica pesante in vista del prossimo match a casa Lazio. Un gol bello quanto irrilevante quello del portoghese, perché nel frattempo anche Gasperini ha schierato il suo di mago, ovvero Josip Ilicic, al rientro dopo l'infortunio. Lo sloveno recita l'abituale show che hacome gustosa ciliegina la rete del tre a zero, realizzata col suo marchio di fabbrica, dribbling ubriacante e sinistro imprendibile. Pandev non vuole essere da meno, ma non trova compagni in grado di concretizzarne le belle iniziative, poiché sia Lapadula che Rossi trovano sempre pronto Berisha. Dal canto suo  l'Atalanta tira un po' il fiato, riuscendo comunque a sprecare una comoda occasione con Gomez.  Con il rientro di Ilicic e l'esplosione di Barrow, c'è il rischio che oltre a Petagna anche il Papu rischi il posto. Da segnalare un rigore inesistente concesso al Genoa dall'arbitro Fabbri e fortunatamente neutralizzato dall'intervento del Var.

Tris decisivo. Il Genoa visto nel secondo tempo è una squadra di tutto rispetto, pur se non all'altezza di questa Atalanta. Tre partite alla fine, per la Dea l'obiettivo sesto posto è più che mai concreto. Con un attacco mai così produttivo ed una condizione fisica ottimale tutto è possibile, anche far vedere  l'inferno al Diavolo. Se poi anche Spinazzola tornasse a disposizione, Gasperini avrebbe a disposizione un arsenale davvero invidiabile e difficile da sconfiggere.

Fonte: l'autore Marcello Lavetti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.