San Valentino nerazzurro a Vienna: i tifosi con la squadra e Icardi con la moglie

La nave Inter naviga in acque agitate ma vince per 0 a 1 a Vienna grazie al gol su rigore di Lautaro Martinez. Altre frecciate in TV e sui social per Icardi.

di Giuseppe Colicchia
Giuseppe Colicchia
(70 articoli pubblicati)
Lautaro Icardi Wanda

L'Inter batte il Rapid Vienna per 1-0 nell'andata dei sedicesimi di finale di Europa League. Per i nerazzurri non una grande partita ma, in un momento difficile come questo, l’importante erano i tre punti e, tutto sommato, i ragazzi di Spalletti non hanno avuto grosse difficoltà nel portarli a casa.

RAPID
Il tecnico del Rapid Vienna ha abbandonato il classico 4-2-3-1 per affidarsi al 4-4-1-1 molto più difensivo. La scelta tattica è stata quindi quella suggerita dal nome della squadra: difesa e ripartenze “rapide” in contropiede.  Il tasso tecnico non era molto elevato e la condizione fisica non era nemmeno eccellente (dovuta al fatto che l’ultima partita disputata dalla squadra risale a Dicembre del 2018). Le stelle della squadra erano due, una delle quali è subentrata soltanto a partita in corso. Si parla dell’esterno sinistro belga Bolingoli (cugino di Jordan e Romelu Lukaku) e del trequartista Knasmullner, che giocava col dente avvelenato in quanto ex giocatore della primavera nerazzurra scartato dalla società milanese. Proprio a quest’ultimo si deve l’occasione più pericolosa per i padroni di casa: tiro ravvicinato parato da Handanovic. Per quanto riguarda gli altri, poco altro: l’esterno destro Thurnwald, giovane, inesperto e ingenuo nel farsi anticipare da Lautaro Martinez e nel commettere fallo da rigore, il portiere Strebinger che giocava con il caschetto ma non era certo Cech e una serie di difensori e mediani più propensi a calciare le caviglie degli avversari che il pallone.

SAN VALENTIN... TER
Per la festa degli innamorati, gli interisti hanno potuto passare una serata con la squadra amata. Lautaro Martinez è tra i migliori in campo: si procura il rigore, lo realizza calciandolo forte e centrale e lotta per tutto il resto della partita. Dimostra amore per la maglia e per la propria fidanzata, dedicandole il gol. Nainggolan disputa un’altra buona partita dopo quella di Parma: mancano i suoi gol e la sua freddezza sotto porta ma finalmente corre ed è ovunque in campo, ruba molti palloni arpionandoli con i suoi classici contrasti in scivolata fatti di forza e muscoli. Perisic contro avversari inferiori si scatena, tornado a cavalcare sulla fascia sinistra e creare occasioni da gol (ci si aspetta sempre qualcosa in più). Dal mondo dei social network arrivano alcuni segnali importanti. Gli squalificati Brozovic e Skriniar condividono nelle loro stories di Instagram il loro supporto ai compagni in campo, così come l’infortunato Keita. Icardi, dopo aver rifiutato la convocazione di Spalletti, passa il San Valentino con la moglie (causa dei suoi mali e “dell’imbarazzo” causato alla società dopo le sue continue uscite nei salotti televisivi) e pubblica la foto con Wanda Nara proprio ad inizio partita. Dopodiché fa i complimenti al suo "amichetto" Lautaro Martinez per il gol, nessun complimento ai compagni né alcun messaggio di supporto. 

AUSILIO E ICARDI
Sul fronte Icardi le novità non finiscono qui. Prima della partita aveva parlato Piero Ausilio ai microfoni Sky, spiegando ulteriormente la decisione societaria di togliere la fascia da capitano al numero 9. Il ds nerazzurro ha sottolineato come l’Inter punti ancora fortemente su Icardi e che la decisione è legata al ruolo e alle responsabilità di essere capitano; c’è la volontà di continuare con l'argentino e magari rinnovargli il contratto. “Nel calcio deve prevalere il noi prima dell'io, noi inteso come società. Se viene messo in discussione questo concetto bisogna prendere provvedimenti, che è l'ultima cosa che vorresti fare ma se poi hai lasciato andare per troppo tempo arriva il momento di prendere decisioni forti che si spera possano rappresentare dieci passi avanti” – messaggio chiaro da parte di Ausilio. La risposta del numero 9 argentino non si fa attendere e, sempre tramite i social, cita Twain: "È meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio". Messaggio rivolto ad Ausilio? A Spalletti? Ai tifosi che si sono scagliati contro di lui?

FC Internazionale v US Sassuolo - Serie A
Fonte: l'autore Giuseppe Colicchia

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.