Regina Baresi: quando il calcio è una questione di DNA

Dopo Franco e Beppe, la dinastia Baresi continua ad incantare sui campi di calcio

di Francesca Landini
Francesca Landini
(144 articoli pubblicati)
Regina Baresi

Regina Baresi, classe 1991. Professione attaccante. Figlia del grande Giuseppe Baresi, ex mediano nerazzurro e nipote di Franco, bandiera e capitano storico della squadra rossonera. Padre e zio, ovvero la storia gloriosa di Inter e Milan. Due fratelli della provincia bresciana che, a cavallo tra gli anni settanta e novanta, hanno conquistato la Milano calcistica. Giuseppe ha giocato tra le fila nerazzurre per quindici anni. Per lui all’Inter non solo una carriera da calciatore. Beppe, infatti, dal 2001 al 2008 è stato responsabile del settore giovanile interista. Nell’estate di dieci anni fa la grande occasione: Mourinho lo nomina come suo vice. Giuseppe si integra perfettamente nel nuovo ruolo e stringe un forte legame di stima professionale con il tecnico portoghese. Dopo l’addio dello Special one, Baresi rimane in orbita prima squadra per quattro anni. Con l’arrivo di Mancini, nel novembre 2014, Baresi viene escluso definitivamente dallo staff della prima squadra e prosegue la sua carriera in società come talent scout.

Se Giuseppe Baresi fa rima con Inter, Franco Baresi fa rima con Milan. Una carriera a tinte rossonere, 513 presenze impeccabili ed insostituibili. Per quindici anni capitano della squadra che ha sempre amato e che non ha mai abbandonato, neanche negli anni più bui della serie B.

Con un padre ed uno zio così, Regina non poteva non amare il calcio. Da papà ha ereditato la passione per i colori nerazzurri. Da bambina, fino all’età di 12 anni, ha giocato in una piccola squadra dell’hinterland milanese. Grazie agli ottimi rapporti di Baresi con la famiglia Moratti, questa piccola squadretta si è trasformata in Asd Femminile Inter Milano. Oggi la compagine milita in Serie B e Regina svolge con orgoglio e passione il ruolo di capitano. Al momento il legame con la squadra nerazzurra è rappresentato solo ed unicamente dal nome ma entro la fine dell’anno, la formazione femminile entrerà ufficialmente a far parte dell’Inter. In Italia il calcio femminile non ha il seguito e la fama di quello maschile. Al contrario di quello che avviene negli altri paesi europei, infatti, il football femminile viene ancora considerato come uno sport di nicchia ed il pubblico non si appassiona a tifare per ragazze e donne che corrono dietro ad un pallone. L’Inter femminile si sta rendendo protagonista di un ottimo campionato: attualmente infatti occupa la seconda posizione in classifica alle spalle dell’Orobica Bergamo. Regina oltre ad essere il capitano, è l’anima ed il cervello della squadra. È colei che più di altri, può trasmettere la passione e l’amore per questo sport. Una passione ereditata da papà e zio, due campioni che hanno fatto la storia. La storia di due squadre di una stessa città. La Baresi non si limita a segnare ed a fornire grandi prestazioni. Regina è una ragazza ambiziosa che sogna. Sogna la convocazione in nazionale e, perché no, la possibilità di partecipare ai mondiali di calcio femminile che si terranno in Francia nel 2019. Una qualificazione non ancora ottenuta ma alla portata delle ragazze azzurre che guidate dal Ct Milena Bertolini, si trovano momentaneamente in testa al girone grazie a quattro vittorie in quattro partite, dieci gol fatti e zero subiti. 

Regina ha le qualità tecniche e caratteriali per far parte di questo gruppo. Di questo gruppo di ragazze che insieme vogliono conquistare un traguardo prestigioso. 

Un traguardo che gli uomini non sono riusciti ad ottenere. Forse la rivoluzione ed il rilancio del calcio italiano, a livello internazionale, avverrà grazie alle ragazze? Sarebbe sicuramente un modo per urlare all’Italia che anche le donne possono giocare a pallone ad alti livelli. 

Come Regina fa da anni. Con l’orgoglio che solo una figlia ed una nipote d’arte può avere. Con l’orgoglio di avercela fatta nonostante i pregiudizi ed i tentativi di dissuaderla. Di dissuaderla da un futuro, per lei già scritto nel DNA.

Fonte: l'autore Francesca Landini

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.