Real Madrid-Psg: campioni al potere (parte 2)

Come arrivano Real Madrid e Paris Saint-Germain a questo match? Scopriamolo

di Marco Ghilotti
Marco Ghilotti
(4 articoli pubblicati)
m

Quando servono motivazioni extra, magari per risollevare una stagione iniziata con il piede sbagliato, si pensa corretto quando si crede che la Champions sia un possibile antidoto. La Champions non é una possibile soluzione, bensì é la soluzione al problema. La manifestazione per club più importante al mondo diventa decisamente utile per quelle squadre che, per un motivo o per l'altro, si trovano a navigare in cattive acque a metà stagione. Il Real Madrid, fa strano dirlo, si trova esattamente in questa situazione, mentre il PSG pare essere il luogo per l'eterna felicità. Dico pare perché é la realtà, in quanto se indaghiamo un po' più a fondo scopriamo crepe che non pensavamo che potessero esistere. Analizzando quindi la stagione fino ad ora delle due squadre possiamo capire in che condizione si presentano stasera al Bernabeu. 

Sedersi sugli allori non é mai buono

Il 2016 é stato senza il minimo dubbio, l'anno d'oro del Real Madrid, di cui la doppietta Champions-Liga é stata la ciliegina sulla torta. CR7 ha vinto il Pallone d'Oro, il suo quinto per l'esattezza e Zidane é stato premiato come miglior allenatore dell'anno, qualcosa di ovvio visto che é diventato il primo allenatore nella storia della UCL a vincere due coppe di fila. La cavalcata verso Cardiff é stata entusiasmante, con Ronaldo che é stato tenuto a riposo per la primavera, dove non a caso ha inciso pesantemente, siglando ben 10 gol dagli ottavi in poi. Anche in Liga, il cammino madridista non é stato da meno, perché il Real ha dovuto lottare fino all'ultimo con il Barça. 

Nonostante un mercato abbastanza povero di nomi, gli unici acquisti interessanti sono stati i giovani Theo Hernandez e Dani Ceballos, la stagione sembrava essere iniziata al meglio, con la vittoria della Supercoppa Spagnola ai tanto degli odiati rivali del Barcellona, sconfitti proprio dai blancos sia all'andata (1-3), che al ritorno (2-0). Da quel momento in poi, però pare che la luce si sia spenta. La difesa ha iniziato a mostrare tutti i suoi limiti, concedendo ben 17 gol nelle prime 19 partite. L'attacco é da incubo, con CR7 che nelle prime 17 partite va a segno solo quattro volte, mentre Gareth Bale e Benzema sono tormentati uno dai fischi e l'altro dai fischi del Bernabeu, stufo di avere un centravanti così poco incisivo. L'altro problema, nonostante la squadra si sia risvegliata nelle ultime giornate, é stato il mercato. In estate hanno lasciato Madrid calciatori del calibro di James Rodriguez e Morata, che pur entrando dalla panchina avevano il loro impatto. I sostituti non sono all'altezza, nonostante le loro capacità tecniche, in quanto ad esperienza e gestione della pressione, due elementi che hanno un grande peso specifico. Zidane é stato accusato di non essere un allenatore bensì un gestore. Questi 180 minuti serviranno per di dimostrare a tutti che il Real non muore mai, che del Real si deve sempre aver paura. 

Chi é costato di più sceglie 

A Parigi, l'unico grande problema pare essere la relazione tra Neymar e Cavani. Il brasiliano arrivato in estate, é ovviamente il pupillo del presidente, mentre Cavani gode di un certo rispetto da parte dei tifosi, visto che ormai sono quattro anni che indossa la casacca parigina. Ciò che fa riflettere é che l'armonia della squadra può essere spezzata dall'ego di due persone, che antepongono i loro obiettivi personali a quelli collettivi. Celebre é la questione del rigore conteso tra Neymar e Cavani, risalente al match contro il Lione dello scorso 18 settembre. Dopo quell'accesa lite, il presidente del club propose all'uruguaiano un aumento dello stipendio in caso avesse lasciato i rigori a Neymar. Cavani si rifiutò ed ecco che siamo giunti ad oggi, quando le acque sembrano parzialmente calme. Nonostante ciò, in campo il trio parigino funziona a meraviglia, e le 25 reti nei gironi di Champions lo dimostrano. Lo score della MCN, 70 in tre in stagione, sembra aver messo tutti d'accordo. 

Basterà per detronizzare i campioni? 

Fonte: l'autore Marco Ghilotti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.