Rabiot-Ramsey, il binomio inesistente

Centrocampisti arrivati la scorsa estate che non hanno proprio nulla da spartire

di Claudio Toschi pilo
Claudio Toschi pilo
(8 articoli pubblicati)
Juventus v US Lecce - Serie A

Rabiot-Ramsey. Per tutta la stagione, vengono citati in coppia. Inevitabile parlare di uno senza coinvolgere l'altro. Ma cosa hanno in comune? L'ingaggio percepito e... stop! Le loro similitudini finiscono qui.

Chi segue per davvero i campionati esteri, conosce l'uno e l'altro.

Personalmente ho sempre ritenuto Ramsey tra i centrocampisti più completi in circolazione, esploso in premiership con l'Arsenal di Wenger, nella lega più competitiva d'Europa, mostrando da subito le sue qualità e confermandole con il tempo: ottima visione di gioco, tendenza al gioco di prima o massimo 2 tocchi, bravo ad occupare gli spazi e ad attaccare la profondità, puntuale negli inserimenti ed ottima propensione al gol. A 23 anni ne segna 10, sfornando 9 assist, in sole 23 partite e si ripete negli anni. Con i gunners saranno 64 i gol, conditi da 65 assist, ai quali vanno aggiunti i 16 centri con il Galles, tantissimo per un centrocampista. Salvo un rigore, i suoi gol, tutti su azione, mostrano un vasto repertorio: da lontano, col destro, col sinistro, di testa, di tacco, in lob, al volo, a giro sul 2° palo, dribblando il portiere. In più, una continuità ed intensità nell'arco della partita che non possono essere raccontati da 4 minuti di highlights.

Rabiot arriva alla Juve con numeri modesti da un campionato banale come la Ligue 1. Questa è la storia calcistica dell'enfant prodige: nel 2008 passa a titolo gratuito dal Creteil Jugend al Manchester City ma già a gennaio viene rispedito al mittente. Non ha entusiasmato nessuno, ma la madre-procuratrice parla di antipatie e problemi contrattuali.

A luglio dello stesso anno, viene ceduto a titolo gratuito al Pau Fc, il quale, sempre a titolo gratuito lo cede dopo 1 anno al Psg u17. Dopo due anni passerà al Psg ma a metà stagione, verrà girato in prestito gratuito al Tolosa che dopo mezza stagione lo restituirà senza rancori.

Gioca 4 anni sotto la Tour eiffel, ma a gennaio 2019 viene messo fuori squadra e la madre parla di problemi contrattuali. Approda alla Juve a titolo gratuito: mai 1 euro per il cartellino di Rabiot nonostante la classe cristallina decantata da più parti. Una classe che non è riuscito (e non riesce ancora oggi) a vedere Deschamps, CT della Francia che sia agli Europei del 2016 che ai mondiali del 2018 (entrambi vinti), gli ha preferito tutti i restanti centrocampisti. Perché? Semplice: non ha niente che non abbia un qualunque centrocampista fisico. La madre parla di antipatie.

Nonostante si voglia far passare quella scorsa come una stagione iniziata malino e finita in crescendo, in realtà è stato un anno da far rabbrividire Hitchcock con le uniche eccezioni della buona mezz'ora contro Milan e Udinese.

Bilancio horror se si aggiunge che la sua peggior partita (l'andata contro il Lione), è quella che di fatto ha condannato i bianconeri. Riccardo Trevisani dopo l'ennesimo errore fantozziano: “questo passaggio di Rabiot è la fotografia di tutta la sua partita: terrificante!”

La difficoltà tecnica nel 1° controllo è imbarazzante come la qualità dei passaggi e ciò non ha nulla a che vedere con l'essere stato fuori squadra per 6 mesi.

Non si capisce inoltre perché gli venga concesso questo alibi (dato che nulla gli proibiva di allenarsi) mentre non si fa altrettanto col gallese, fuori diversi mesi per infortunio e dunque con il peso di dover ritrovare la forma oltre che il ritmo partita.

Ho già espresso il mio pensiero su Ramsey, ma non voglio essere frainteso: non ritengo la sua stagione soddisfacente, ma avendo giocato la metà dei minuti del francese (1051 contro 1913) segnando 4 volte tanto (gol sempre da 3 punti come quello che ha sbloccato il match scudetto contro l'Inter), giocando quasi sempre solo scampoli di partita e per gran parte del campionato da trequartista (fuori ruolo) senza mai alzare la voce, credo che non ci sia discussione su chi meriti un'altra chance e quindi, che parta pure Rabiot... a parametro zero e per problemi contrattuali ed antipatie, ovviamente!

Fonte: l'autore Claudio Toschi pilo

DI' LA TUA

2
2 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. Francesco80 Mari - 2 mesi

    Prenderli a 0 facile. Liberarmene quasi impossibile!

    1. RamirezVidal89 - 2 mesi

      Beh, in linea di massima è così.
      Poi, più gli ingaggi sono pesanti e più passano gli anni….

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.