Quando il “Franchi” diventa il dodicesimo uomo

Uno stadio che spesso ha contribuito in modo determinante alle vittorie viola

di Massimiliano Cerbai
Massimiliano Cerbai
(25 articoli pubblicati)
I Monumenti dii Firenze

Lo stadio di Firenze è da sempre considerato uno dei catini più coinvolgenti e trainanti (per la propria squadra) del calcio italiano ed internazionale.

Prima dei lavori di ristrutturazione per i mondiali di Italia 90, aveva una capienza di ben 66 mila spettatori ed in gran parte delle partite interne dei viola superava le 50 mila presenze di media, successivamente dovendo avere per regolamento internazionale, tutti posti a sedere, la capienza fu ridotta a circa 45 mila unità e purtroppo tale lifting comportò la scomparsa della gloriosa pista di atletica che fu  testimone nel 1981  del fantastico record del mondo degli 800 metri di Sebastian Coe, con il tempo di 1'41"73.

La Fiorentina quindi grazie anche al suo stadio vinse due scudetti (55/56 e 68/69) e durante gli anni più difficili, le permise di vincere partite difficilissime per garantirsi la permanenza in Serie A.

Tanti e tanti campioni "nemici" dei viola hanno tessuto le lodi di questo ambiente molto particolare che spesso crea soggezione negli avversari; chiedere infatti a campioni conclamati di epoche passate come Gigi Riva Michel Platini, o fuoriclasse più vicini a noi come Roberto Baggio.

Proprio il Divin Codino quando fece il suo primo ritorno a Firenze da avversario nel 1991 con la Juventus, rimase abbagliato dalla straordinaria coreografia della Curva Fiesole che esibiva i bellissimi monumenti di Firenze.

Uno stadio che sa anche essere molto commovente con silenzi di tomba e abbracciare simbolicamente, prima Cesare Prandelli quando tornò in panchina dopo aver perso la moglie, e purtroppo, tutta Firenze ed i suoi calciatori, quando l'11 marzo 2018, i viola tornarono in campo per la prima volta senza il loro Capitano Davide Astori.

Forse i Della Valle stavolta ce la faranno a costruire il nuovo catino viola, ma per me lo Stadio resterà per sempre quello storico, glorioso ed ineguagliabile di Campo  di Marte.

11 marzo 2018
Fonte: l'autore Massimiliano Cerbai

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.