Quagliarella, con l’Udinese alla ricerca di Batistuta

Flash della carriera di uno degli attaccanti più sottovalutati del decennio: contro l'Udinese può eguagliare Batistuta per numero di reti consecutive in A.

di Davide Manca
Davide Manca
(438 articoli pubblicati)
UC Sampdoria v Chievo Verona - Serie A

Nel pomeriggio del Marassi, Fabio Quagliarella andrà incontro al record contro una sua ex squadra, l'Udinese: dopo aver segnato contro Milan, Torino, Genoa, Bologna (2), Lazio, Parma, Empoli, Chievo, Juventus e Fiorentina, il bomber ha la possibilità di fare l'undicesimo gol di fila in campionato eguagliando Batistuta.

CARRIERA - L'attaccante parte da lontano, Torino, Fiorentina (in C2), Chieti (in C1), ancora Torino, poi Ascoli (in A) e Sampdoria. Genova lo lancia tra i grandi, segna in tutti i modi e a 24 anni proprio l'Udinese lo porta via alle buste. In Friuli forma una delle coppie offensive più forti del campionato assieme a Di Natale, i due portano il club alla soglia della semifinale di Coppa UEFA nel 2009 (perdendo 6-4 col Werder Brema finalista), Quagliarella ne piazza otto, qualcuno in meno dei soli Olic e Vagner Love. Nello stesso periodo Donadoni lo convoca in Nazionale, l'attaccante gioca Europeo 2008 (10 minuti con la Romania, 1-1), Confederations Cup 2009 (un'ora con l'Egitto, persa 1-0), Mondiale 2010 (un tempo nello sciagurato pomeriggio di Johannesburg con la Slovacchia, non credo di dover ricordare quanto finì; comunque, segna l'ultima rete italiana di quella edizione), dal 2010 non è più convocato, terminando l'esperienza in Nazionale con un onorevole 7/25, un gol ogni tre partite in media, e segnando nella sua ultima con la Romania (1-1).

NAPOLI E IL RITORNO A TORINO - Arriva da tre stagioni di fila in doppia cifra e ha appena terminato con 21 gol in 48 presenze. Il Napoli lo preleva in cambio di 16 milioni di euro e lo riporta a casa. Qui vive un incubo personale, il campo inizia a contare meno - nonostante i numeri gli consentano di arrivare al quarto anno in doppia cifra - De Laurentis lo manda via dopo un solo anno: torna a Torino, sponda Juventus. Accolto con sospetto dai nuovi tifosi e con rifiuto da quelli passati, l'attaccante dissipa i dubbi dei primi continuando a segnare e fornendo prestazioni di alto livello, tra cui anche una tripletta - l'ultimo bianconero prima di lui a essere riuscito nell'impresa fu il leggendario Krasic. Tre scudetti di fila, due supercoppe, un quarto di finale di Champions e 30 gol dopo, firma di nuovo col Torino. Quagliarella ha 32 anni, è dato per "finito" da tutti. Il bomber non si ferma, riprende a segnare gol a grappoli, i tifosi però si aspettano assurdamente che esulti anche contro la sua ex Napoli: inimicatosi la tifoseria, torna alla Sampdoria dopo una stagione e mezza.

GLI ANNI ALLA SAMP - A Genova è titolare, soprattutto è ben voluto. Praticamente è a casa. Nel 2016 tocca quota 100 reti in Serie A: è ufficialmente uno dei migliori attaccanti della storia nel calcio italiano. A livello di gol, la stagione passata è la sua migliore: 19 volte a segno, solo tre hanno fatto meglio in Serie A (Icardi, Immobile e Dybala). Alla vigilia di questo campionato, Quagliarella è considerato per l'ennesima volta "quasi un ex calciatore, a fine carriera": al giro di boa ce lo ritroviamo a 14 gol, gli stessi di Zapata e Cristiano Ronaldo. Contro la Juventus, ha segnato il suo gol da professionista numero 200: ne ha realizzati in ogni modo, ma continua a stupire. Dieci partite consecutive in gol - se escludiamo quella con la Roma, risalente all'11 novembre scorso, non scese in campo - incredibile per un calciatore di 36 anni, a undici c'è il record di Batistuta: nel caso segnasse all'Udinese, sarebbero anche 142 in A, gli stessi di Bobone Vieri, uno in più di Montella e Di Vaio.

Fonte: l'autore Davide Manca

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.