Primi effetti della cura Ranieri: gli applausi a Florenzi

Buona la prima del tecnico romano, che con un pizzico di fortuna batte l'Empoli 2-1. Florenzi nonostante il rosso, esce tra gli applausi. Non accadeva da tempo

di Antonio Siracusa
Antonio Siracusa
(106 articoli pubblicati)
AS Roma v Empoli - Serie A

Alla vigilia del suo secondo esordio sulla panchina della Roma, Claudio Ranieri, impossibilitato ovviamente in pochi giorni a cambiare tatticamente la squadra, si era appellato alla volontà di non arrendersi mai, al cuore, e al senso di appartenenza chiamato "romanismo". Già, il romanismo o la romanità, quel senso d'identità che ovviamente chi è nato in questa città, e realizza il sogno di vestire la maglia della squadra che si tifa sin da bambino, ha in maniera spiccata. Ma a volte, quello che deve darti una carica in più, diventa proprio il tuo limite principale. Ci sono passati tutti: Giannini, Totti, De Rossi, per restare nella storia recente. Proprio Ranieri, nel 2010, con la Roma protagonista di un avvincente testa a testa con l'Inter di Mourihno, sostituì i romani Totti e De Rossi nell'intervallo di un derby che vedeva la squadra giallorossa sotto di un gol. Tutti gli diedero del pazzo, a fine gara, però, ebbe ragione il tecnico, che motivò questa scelta per la romanità che bloccava, in una trance agonistica, i due simboli giallorossi, ancor più accentuata in una partita sentita come il derby, e con una posta in palio altissima. Morale, la Roma nella ripresa con una doppietta di Vucinic ribaltò il risultato e vinse quella partita. 

E non poteva certo essere da meno, dei suoi illustri predecessori, Alessandro Florenzi, altro prodotto del vivaio giallorosso e destinato a proseguire la dinastia dei grandi capitani romani e romanisti. Da sempre coccolato dal pubblico ed uno degl'idoli delle folle giallorosse. Ma l'estate scorsa qualcosa si è incrinato nel rapporto con la tifoseria. Complice un rinnovo di contratto non facile, i dubbi se restare o partire. Alla fine ha prevalso l'attaccamento alla maglia, e il jolly romano non si è mosso dalla capitale. Eppure il pubblico sembra non avergli perdonato quella titubanza, e con le prime prove incolori sono arrivati anche i primi fischi. Proprio lui, che era abituato a sentire solo applausi scroscianti, si è ritrovato di colpo quasi ad essere un nemico in casa. Una situazione che Florenzi, e la sua romanità, hanno patito particolarmente. Le lacrime alla fine della gara di Oporto, con la consapevolezza che la sua sciocchezza nel finale di partita sono costati eliminazione dalla Champions League e panchina a Di Francesco, facevano presagire ad un ritorno allo stadio Olimpico in cui lui sarebbe stato tra i più bersagliati. Ed invece, proprio l'appello di Ranieri, rivolto a tutte le componenti dell'ambiente romanista, hanno fatto breccia tra i tifosi presenti ieri sera all'Olimpico. Succede allora che Florenzi vede macchiare una buona prova con un espulsione molto severa a dieci minuti dal termine. Lo sguardo verso l'arbitro è letteralmente terrorizzato, con la paura di essere ancora una volta, a distanza di pochi giorni, la causa di una mancata vittoria della sua squadra, con riflessi stavolta pesantissimi sulla classifica. Tutti si aspettano di sentire bordate di fischi durante la sua uscita dal campo ed invece, per Florenzi, solo applausi, timidi, ma solo applausi. L'appello di sir Claudio viene accolto pienamente dai tifosi, e forse questo può essere l'inizio di una nuova storia, tra il giovane capitano e il suo pubblico, perché recuperare Florenzi deve essere una delle priorità del nuovo tecnico. Giocatori universali, e dalla tecnica sopraffina come lui, sono imprescindibili per questa squadra. 

A salvare la serata di Florenzi e il secondo esordio sulla panchina giallorossa di Ranieri, ci ha pensato poi il var, che ha annullato la rete del pareggio dell'Empoli, a pochi giri di cronometro dalla conclusione del match, regalando così tre punti preziosissimi e applausi per tutti. Onestamente, almeno ieri sera, non era lecito attendersi di più.

Chievo Verona v AS Roma - Serie A
Fonte: l'autore Antonio Siracusa

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.