Pallone d’oro: un terzetto per scalzare Ronaldo

La sfida tra CR7 e Messi si ripropone come ogni anno, con qualche gustosa sorpresa intorno

di Antonio Monaco
Antonio Monaco
(93 articoli pubblicati)
pallone d oro

Istituito dal 1995 il moderno Pallone d'Oro, esteso a tutti i giocatori di club europei di qualunque nazionalità siano, il trofeo di France Football,  premio per il miglior calciatore della stagione agonistica,  solo in 6 occasioni  ha visto festeggiare con il riconoscimento individuale chi ha vinto  la Coppa del Mondo dello stesso anno. Tra di essi ricordiamo, ad esempio, Bobby Charlton nel 1966, il mitico Paolo Rossi nel 1982 grazie al Mundial spagnolo, Lothar Matthaus nelle notti magiche di Italia 90.  L'edizione del Mondiale di Russia 2018  rivelatasi sorprendente tra rivelazioni inattese ed esclusioni eccellenti, ha mischiato le carte per la vittoria anche del prestigioso riconoscimento. Le deludenti spedizioni di Messi e Ronaldo, estromessi negli ottavi a poche ore di distanza, l'uno dall'altro, aprono nuovi scenari sull'assegnazione dell'annuale trofeo, monopolizzato dai due fuoriclasse dal 2008. Il duopolio  con i cinque trofei a testa della Pulce e di CR7,  riconosciuti dalla rivista francese, stavolta potrebbe avere epilogo diverso. La dittatura decennale scricchiola e la gerarchia in materia di Pallone d'Oro, può essere riscritta.  I 173 giornalisti impegnati a stabilire il proprio podio personale , nonostante manchi ancora tanto all'assegnazione finale, sono già orientati dall'andamento dei vari candidati alla vittoria. 

Accantonando i due mostri sacri del calcio attuale, con Messi più indietro ( fuori dalla Champions e dal Mondiale prematuramente), menzione merita Momo Salah, il cosiddetto "Messi d'Egitto" , con i suoi 44 gol stagionali e la sua finale di Champions. L'egiziano gode del bonus dell' infortunio nei primi minuti dell'atto finale della competizione, che non gli ha consentito di esprimere tutto il suo potenziale, ma di contro il pessimo mondiale della propria nazionale, potrebbe per lui rappresentare un handicap.  Nonostante i positivi impatti dei carioca Neymar e Coutinho nei rispettivi club di appartenza, i brasiliani non hanno mostrato quel "quid" in più da arrivare al top. Il terzetto che quindi può scalzare il miglior goleador dell'era moderna (Ronaldo), è senza alcun dubbio rappresentato da K. Mbappè, A. Griezmann e L. Modric.  Il primo, l'enfant prodige del calcio francese, ha preso per mano la sua nazionale e spesso è risultato decisivo per la vittoria. Il secondo, autore di una ottima stagione nell'Atletico Madrid ,è stato capocannoniere della squadra campione del Mondo, con 4 reti. Il croato Luka Modric, invece, ancora una volta campione d'Europa con il suo Real Madrid, è stato il faro della sorprendente Croazia, fino alla finalissima. Escludere il leader croato tra i più seri e papabili vincitori del premio sarebbe delittuoso.

Tutti però danno la sensazione che manchi quel qualcosa in più, che possa convincere i giurati a scalzare Cristiano Ronaldo. L'alieno sbarcato da pochi giorni a Torino, per la sua nuova avventura bianconera, è comunque il più serio candidato alla riconferma. Il fuoriclasse portoghese con la sua terza Champions consecutiva e i suoi 50 gol stagionali è sicuramente il più forte. Decisivi saranno i primi mesi della nascente stagione agonistica per vedere se a dicembre ci sarà una sceneggiatura diversa...

Fonte: l'autore Antonio Monaco

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.