La nostalgia veste 10 – Ronaldinho Gaucho

Il calciatore che ha unito il calcio e la samba con un fattor comune: il sorriso.

di Vincenzo Vizzielli
Vincenzo Vizzielli
(2 articoli pubblicati)

Sono sicuro che avete già capito che sono un nostalgico e voglio inaugurare questa rubrica col sorriso così come quel genio brasiliano ha sempre trattato la sua amata sfera, sapete di stiamo parlando, no? Proprio lui, Ronaldinho Gaucho. Dinho è stato uno dei calciatori più amati dai tifosi di tutto il mondo, semplicemente perché, oltre a una tecnica straordinaria e unica, sorrideva e trasmetteva gioia negli occhi di lo guardava sia dal vivo che in tv. Nel 2002 si laurea campione del mondo ed è autore di uno dei gol più belli di quel mondiale. Ma non è ancora il Ronaldinho che tutti conosciamo. Nel 2003 si trasferisce in Catalogna, alla corte blaugrana, intenta a sfidare sempre di più il Real dei Galacticos, ed è lì che scocca la scintilla che ha acceso per anni gli animi dei centomila del Camp Nou. Ronaldinho si dimostra subito all'altezza delle aspettative, segna tantissimo, sforna assist e giocate superlative, ma soprattutto vale il prezzo del biglietto, perché con il Gaucho in campo lo spettacolo è assicurato. Siamo nel 2005, Santiago Bernabeu, si gioca il Clasisco, ed è lì che Ronaldinho abbatte e chiude definitivamente l'era dei Galacticos con due gol-fotocopia in slalom. Tutti i tifosi del Bernabeu e non solo, sono in piedi ad applaudire il 10 blaugrana. Gol, assist, tunnel, elastico, nolook, rabona, magari tutti in una partita, sono i motivi che spingono i tifosi blaugrana e di tutto il mondo ad ammirare questo fuoriclasse. Nel 2006, prima di vincere la Champions League, nella semifinale contro il Milan a San Siro, Dinho dà sfogo a tutto il suo repertorio, giocando una partita sontuosa e mandando il porta Giuly con un assist tagliadifesa. E' al top. Estro e fantasia al servizio degli amanti del calcio. Andava a ritmo di samba ma nessuno riusciva a stargli dietro, idolo di molti bambini e non, Ronaldinho ha lasciato qualcosa di indelebile nel mondo del calcio, il sorriso che ogni bambino, sin dall'inizio, deve avere quando calcia un pallone. E ora, samba!

Ronaldinho Gaucho
Fonte: l'autore Vincenzo Vizzielli

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.