Nazionale: Mancini e l’operazione goal

Un attacco asfittico per Mancini che potrebbe affidarsi ad una Nazionale in versione “Giovine”, per iniziare a salire la china

di Antonino Aloi
Antonino Aloi
(13 articoli pubblicati)
Portugal U21 v Italy U21 - International

Il vecchio detto di Senofonte che descrive l’attacco come miglior metodo difensivo è sdoganato nel mondo del calcio, assolutamente attuale per la Nazionale Italiana di calcio. La mancata qualificazione ai Mondiali di Russia ha senz’altro colpito l’intero movimento calcistico nostrano. In controtendenza con l’arrivo di un bomber come Ronaldo a calcare i campi della Serie A, la Nazionale fatica a trovare la via del goal. I numeri sono impietosi: Una sola vittoria in cinque partite per Mancini, contro una modestissima Arabia Saudita, con soli 5 goal all’attivo. Un solo punto in due partite di Nations League con un solo goal all’attivo, contro la Polonia, porta la firma di Jorginho per l’appunto un centrocampista. L’arrivo di Mancini aveva portato aria di rinnovamento, toccato il fondo ci si può solo rialzare è vero ma la Nazionale fatica a fare punti e a gonfiare la rete in area piccola.

ATTACCO SPUNTATO 

Il nuovo 4-3-3 di Manciniano stampo è un modulo prettamente offensivo. Gli inserimenti delle mezze ali dovrebbero portare brio in zona goal sfruttando le geometrie di Jorginho, approfittando anche di un lavoro di galleggiamento della prima punta a favorire l’accentramento degli esterni. Nelle due partite di Nations League, pareggio per 1-1 con la Polonia e la sconfitta con il Portogallo, non hanno mostrato nulla di tutto ciò. Un attacco asfittico, slegato, che punta sull’estro di Insigne nel suo vecchio ruolo di regista esterno ancora poco ispirato in azzurro. Sembrerebbe essere un problema di rodaggio, di ingranaggi tecnici e forse anche mentale a dispetto di un attacco che sulla carta non dovrebbe avere problemi di carenza in zona goal. Belotti, Immobile ed ancora Zaza e Balotelli a turno si sono susseguiti  in amichevoli e Nations League senza mai incidere davvero apparsi estranei al gioco e risucchiati nella terra di mezzo delle linee avversarie. Un cambiamento di modulo forse è auspicabile per sfruttare l’estro dei giovani esterni italiani come Bernardeschi, Chiesa o Verdi. Un 4-2-3-1 potrebbe permettere di portare maggiori uomini in zona goal, sfruttando la superiorità numerica creata da Berna and Co, tenendo anche conto del momento estatico di Lorenzo Insigne, sempre più punta nel nuovo Napoli di Ancelotti. In vista dell’amichevole con l’Ucraina, Mancini ha sperimentato anche l’accentramento di Bernardeschi in modalità falso nueve, sperando che non sia un ennesimo passo falso sulla via del goal. Seguire questa teoria nel nome del duo Bernardeschi-Insigne potrebbe essere una strada percorribile per mettere fine a una siccità di goal troppo lunga per una Nazionale con quattro stelle mondiali sul petto.

GIOVINE ITALIA

Le finali europee dell’Under 17 e dell’Under 19 italiane hanno dato segnali rassicuranti. Il talento in Italia c’è. Si continua a sfornare “merce di altissimo valore” nei vivai italiani, frutto dei nostri allenatori giovanili in vesti di esperti artigiani di qualità. Aspettare la crescita di ragazzi come Kean, Pellegri, Favilli o Bonazzoli in questo momento è difficile per una Nazionale che vuole e deve rilanciarsi fin da subito. I segnali sono rassicuranti però anche per le recenti prestazioni di ragazzi come Patrick Cutrone. Il giovane attaccante milanista gioca come un tarantolato, colpisce come uno scorpione, vola come una farfalla e punge come un’ape. Lo ha dimostrato con la doppietta contro l’Olympiakos e con la rasoiata che ha permesso al Milan di superare la Roma in casa per 2-1. Chi pensava che il dualismo con Higuain lo avrebbe bruciato, si è sbagliato. Patrick cerca il Pipa e sfrutta i suoi assist, in un sistema a due punte sgomita e gioca di più con la squadra: grasso che cola per Mancini. Al netto di diversi infortuni, che hanno fatto saltare anche la Nazionale, Cutrone più di tutti sembrerebbe pronto a lottare e correre per l’azzurro.

Fonte: l'autore Antonino Aloi

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.