Milan, Europa ed Elliot: il futuro torna a sorridere

Nuovi scenari si aprono all'orizzonte per la società rossonera, dopo l'esito positivo al Tas, e l'avvicendamento ai vertici dirigenziali

di Giuseppe Di girolamo
Giuseppe Di girolamo
(55 articoli pubblicati)
AC Milan v AC Chievo Verona - Serie A

Con la sentenza del Tas di Losanna, giunta ieri poco prima delle ore tredici, che riammette la società rossonera alla prossima Europa League, l’orizzonte del Milan improvvisamente si sgombra di moltissime nubi, e si apre a un ventaglio di possibilità che sembravano utopiche, solo due settimane fa. Con l’avvento del fondo Elliott infatti, il Milan ha riacquisito quella credibilità necessaria a livello societario, indispensabile per fare la voce grossa davanti al tribunale arbitrale, e di conseguenza, ora, anche sul mercato. Intanto, il faldone tornerà alla Uefa che dovrà rimodulare la sanzione, in modo da renderla più equa.

Quale futuro - Tanto per cominciare, oggi  il CDA ha sancito il passaggio della società da Mr Li al fondo Elliott, con la conseguente nomina dei nuovi consiglieri e del nuovo presidente ( oltre che amministratore delegato ad interim), Paolo Scaroni, ex presidente di Eni e EnelAnche Fassone lascia la compagnia, di conseguenza pure la posizione di Mirabelli non è più salda, dato che i due dirigenti sono legati a doppio filo, dal punto di vista professionale. Ancora non è chiaro da chi verranno sostituti, da una settimana indiscrezioni parlano di un possibile ritorno di Leonardo, che del Milan è già stato sia dirigente, sia allenatore, in entrambi i ruoli con risultati apprezzabili. Il problema è che l’ambiente non gradì affatto il suo passaggio all’Inter nel 2011, e su questo la nuova proprietà rossonera dovrà riflettere, cominciare la nuova gestione contrariando la piazza, potrebbe non essere una mossa di successo. Si fanno anche i nomi di dirigenti provenienti di altre società, e naturalmente come spesso è successo negli ultimi anni, è stato riproposto il nome di Maldini, a cui si è aggiunto negli ultimi giorni anche quello di Albertini.

Mercato - Si riapre anche il capitolo mercato, che per settimane è rimasto per forza di cose bloccato. La nuova dirigenza ha chiarito che il progetto che hanno in mente per il Milan è a medio termine, non intendono cedere la società a breve. Si parla di un impegno minimo di tre anni, in cui intendono riportare la società dove gli compete, rispettando sì i parametri del fair play finanziario, ma allo stesso tempo con investimenti mirati, così da restituire ai rossoneri la competitività necessaria per tornare a farsi rispettare, in Italia e in Europa. Il fondo Elliott pare intenzionato a destinare 50 milioni di euro per la voce mercato, a cui si potrebbero aggiungere i soldi incassati dalla cessione di uno dei big della rosa. Un Tweet di Bonucci, seguito alle buone notizie provenienti da Losanna, aveva fatto pensare che il capitano avesse disdetto il suo volo per Parigi, e fosse destinato a restare in rossonero.

In realtà le parole di Gattuso di ieri, non hanno lasciato molto spazio ad interpretazioni: Leonardo ha deciso di seguire Buffon, e vestirà la maglia del Paris San Germain. Ancora da capire cosa decideranno di fare Suso e Donnarumma, dalle cui cessioni il Milan ricaverebbe ben più dei 30 milioni che incasserà dalla cessione di Bonucci. Tutto da decifrare anche il destino di Kalinic, Andrè Silva e Bacca, tornato dal prestito al Villarreal. Non è detto che la cessione di uno, o tutti questi giocatori possa generare un attivo nelle casse della società, a causa di condizioni contrattuali particolari (Kalinic verrà riscattato solo questa estate dalla Fiorentina), e probabili minusvalenze, vedi Silva.

In totale, quello che sarà il nuovo DS dei rossoneri, potrebbe avere a disposizione tra gli 80 e 100 milioni da investire per rafforzare la rosa, e non è un segreto che l’obiettivo numero uno è un centravanti. Ai nomi che si fanno ormai da qualche settimana, Immobile e Morata, si è aggiunto nelle ultime ore anche quello di BenzemaSembra invece più salda la posizione di Gattuso, dopo l'indiscrezione trapelata a inizio settimana, che parlava di un possibile arrivo a Milano di Antonio Conte.

Fonte: l'autore Giuseppe Di girolamo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.