Milan, ci risiamo: si profila l’ennesima stagione incolore

Il tunnel in cui si è infilata la società di via Aldo Rossi ormai da alcuni anni sembra davvero non avere uscita

di Giuseppe Di girolamo
Giuseppe Di girolamo
(120 articoli pubblicati)
FC Internazionale v AC Milan - Serie A

Se fosse un film, la storia recente del Milan si intitolerebbe "Quel tunnel senza uscita". E' un film già visto tante di quelle volte, negli ultimi anni, che verrebbe voglia di fermarlo, riavvolgerlo, e farlo ricominciare sperando che, prima o poi, il finale cambi. Certo, è indubbiamente prematuro parlare di finale, ma quel po' di esperienza che ho mi insegna che l'aria che tira non è buona, nemmeno in questa stagione. Ogni anno si ripete uguale a se stesso, con le stesse premesse, le stesse speranze, le stesse illusioni, e soprattutto le stesse delusioni. 

Fuochi d'artificio sul mercato, un inizio di stagione in cui la parola d'ordine è "lavoro", qualche buona apparizione, non sempre corredata dai punti, ma che lascia ben sperare, e poi l'atteso esame di maturità contro quelle che dovrebbero essere le dirette rivali, puntualmente fallito, con la conseguente discesa agli inferi. Intorno a Natale c'è l'avvicendamento in panchina, una piccola illusoria risalita, e il finale di stagione nuovamente anonimo, dove l'obiettivo Europa League viene acciuffato per i capelli. 

Fino a quando una delle società più blasonate e importanti del mondo, potrà trascinare se stessa, e soprattutto la sua immagine, in questo faticoso viaggio alla ricerca di una credibilità perduta? Una maglia tanto gloriosa, oggi riesce solo nell'impresa di intristire anche un campione come Higuain.

Non molti anni fa, chi veniva a giocare al Meazza non ci provava nemmeno a essere così spregiudicato da pensare di venire a Milano a dare fastidio ai rossoneri. Prevalentemente gli avversari si difendevano, nella speranza di non essere sotto di tre gol al termine del primo tempo, cercando di prolungare l'agonia il più possibile. Oggi non è più così, nel corso degli anni, squadre come Empoli, Sassuolo, Atalanta, Frosinone, Benevento, solo per citarne alcune, hanno fatto punti in casa del Milan. 

Il capitolo scontri diretti poi, è un vero pianto greco: contro l'Inter due sole vittorie negli ultimi 15 derby di campionato, due contro la Juventus negli ultimi 14 incontri di Serie A, infine contro il Napoli una sola vittoria negli ultimi 15 scontri. Un ruolino da provinciale, queste tre avversarie hanno frequentemente vinto contro il Milan in questi ultimi anni. 

Non è più tollerabile questo andamento, tutti dalla dirigenza, all'allenatore, ai giocatori, devono imboccare il loro boccone amaro, caricarsi sulle spalle il peso della sconfitta e  il loro pezzetto di responsabilità, e fare finalmente il lavoro per cui sono pagati: riportare questa gloriosa società dove deve stare, tra le migliori al mondo. Il tempo delle scuse non solo è finito, non più contemplato, le chiacchiere sono foglie al vento, la storia non po' più attendere i rossoneri, i tifosi non vogliono più dover sperare. Ci vogliono solo i risultati. Subito.

Fonte: l'autore Giuseppe Di girolamo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.