Mihajlovic: può una dichiarazione politica scatenare un tale odio?

Le parole del serbo riguardo il sostegno a Matteo Salvini e Lucia Borgonzoni per le regionali in Emilia Romagna ha suscitato profondo sdegno

di Riccardo Sanna
Riccardo Sanna
(43 articoli pubblicati)
Bologna FC v SPAL - Serie A

C'è stato un tempo in cui i calciatori parlavano poco. Perché a parlare, per loro, erano le gesta sul campo. Per questo erano considerati eroi. Inarrivabili, irraggiungibili, distanti. Miti silenziosi. Una sorta di  divinità in terra con gli scarpini ai piedi. Poi, gradatamente e sempre di più, hanno sentito la necessità di esprimersi su ogni cosa: dalle cose più futili a quelle più importanti come la politica. E da eroi dell'immaginario collettivo si sono così ridimensionati. Non trovandosi più nella posizione comoda esente dalle critiche e dalle accuse. Talvolta forti e inaccettabili.

Il perché Sinisa Mihajlovic abbia ritenuto opportuno fare il suo endorsement  alla candidata di centrodestra per le regionali emiliane anziché preferire la riservatezza, mi sfugge. Certo non mi stupisce: da anni è infatti risaputo che la sua ideologia politica tenda in quella direzione. Detto questo, inorridisco leggendo i commenti e l'odio riversato su di lui da chi non ha gradito questa presa di posizione. Mi domando, con amarezza: come si può augurare ogni male, facendo riferimento con vile pressapochismo alla malattia con la quale lui sta dignitosamente combattendo, per una dichiarazione esplicita di voto non conforme alla propria?

La deriva di questi tempi è indicibile perché a mancare è il rispetto. Non pervenuta è invece la furbizia, seppur non correlata, in entrambi in casi. Non che ci sia niente di male, ma perché Sinisa non ha pensato di affidare alla cabina elettorale il proprio responso anziché ribadirlo prima ai giornali? Perché  i contestatori che volevano andargli contro non hanno invece compreso che così facendo assecondavano proprio il pensiero leghista, il quale ribadisce come la volontà popolare tenda a giustificare l'esplicito sostegno solo se mirato a uomini o donne di sinistra?

Seppur le idee dell'allenatore del Bologna non collimino con le mie, per la sua battaglia e per come la sta affrontando nutro profonda ammirazione. Come ho sempre ammirato l'atleta per il suo talento da giocatore, nonostante certe sbandate verbali e non che sul campo poteva (e doveva) evitare e dalle quali ho sempre preso le distanze. La smania del tifo, sia esso sportivo o politico, non dovrebbe mai consumare la ragione offuscandone i principi cardine della moralità e della civiltà. Perché se accade questo non decade il tifoso. Ma l'uomo, in quanto essere umano

Oramai del tutto allo sbando e con scarse possibilità di redenzione.

Fonte: l'autore Riccardo Sanna

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.